Nel derby contro la Virtus, vittoria della Techfind

0 0
Read Time:2 Minute, 34 Second

E’ stata una partita difficile, con la squadra selargina che al PalaVienna ha stentato soprattutto ad inizio gara. Le virtussine hanno dimostrato grande energia, poi la squadra di Fioretto, grazie anche all’ottima prova balistica di capitan Granzotto, autrice di 24 punti, viene fuori alla distanza prendendo il comando della gara e chiudendo con il risultato di 69-54.

La gara: assente coach Fioretto causa squalifica, l’assistente Filippo Demuro schiera un quintetto composto da Simioni, Granzotto, Manzotti, Cutrupi ed El Habbab. Ferrazzoli risponde con le ex Lussu e Brunetti assieme a Podda, Pellegrini e Zolfanelli.

Le ospiti partono bene e mettono grande energia nella metà campo difensiva. La Techfind fatica a prendere dei tiri di qualità e deve fare i conti con delle percentuali piuttosto deficitarie, ma alla lunga si porta in parità (16-16).

Nel corso del secondo quarto il San Salvatore piazza l’allungo con 6 punti in fila di una ispiratissima Granzotto, che permette alle sui di mettere la testa avanti. La Virtus stavolta fatica a imbastire una contromossa, allora le giallonere volano grazie a un nuovo break di 11-0 che regala il 35-26 alla pausa lunga.

Al rientro dopo l’intervallo la Virtus prova nuovamente a tornare in partita grazie ai canestri di Zolfanelli e Brunetti che valgono il -5. Dopo il timeout chiamato da Demuro, la Techfind cambia nuovamente marcia: le percentuali al tiro crescono, e a metà del terzo quarto arriva il primo vantaggio in doppia cifra con la bomba della solita Granzotto (42-31).

Le cagliaritane cercano di tenersi a contatto ma devono fare i conti con i problemi di falli di Zolfanelli, e all’ultimo mini intervallo scivolano sotto di 13 (48-35).
Negli ultimi dieci minuti la Techfind controlla senza affanni toccando anche il +20. Le ospiti tentano un ultimo assalto con i canestri di Brunetti e Zolfanelli, ma ormai è troppo tardi: il derby ha già preso la strada di Selargius.

Il risultato finale 69-54 significa per la squadra di Fioretto, ancora il quarto posto in classifica, ma soprattutto anche fiducia per i prossimi appuntamenti.

Così coach Roberto Fioretto: “Avevo grande fiducia nel mio staff, che infatti ha condotto egregiamente la partita; siamo partiti con qualche difficoltà, ma pian piano siamo riusciti a venire fuori. Abbiamo passato tutta la settimana a ripeterci di non guardare la classifica per non correre il rischio di sottovalutare la Virtus, ma nei primi due quarti abbiamo commesso proprio questo errore. Siamo stati poco intensi. Nel secondo tempo, invece, l’atteggiamento è cambiato e abbiamo costruito un vantaggio poi controllato con serenità nel finale. Non è stata forse una partita bellissima, ma siamo soddisfatti per il risultato”.

Techfind San Salvatore Selargius – Virtus Cagliari (69-54) – Parziali: 16-16; 35-26; 56-35

Techfind: Simioni 3, Granzotto 24, Manzotti 21, Cutrupi 4, El Habbab 8, Melis, Mura 2, Pandori 5, Pinna, Loddo ne, Ceccarelli 2, Demetrio Blecic. All. Demuro.

Virtus Cagliari: Zolfanelli 13, Brunetti 8, Lussu 8, Podda 12, Pellegrini Bettoli 2, Ledesma ne, Lai ne, Savatteri 9, Pala, Pilleri 2, Salvemme, Conte ne. All. Ferazzoli.

APZ

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: