Nuoro. Bimbo di due anni in coma per un acino d’uva

0 0
Read Time:2 Minute, 27 Second

Nuoro. Stava mangiando insieme ai genitori prima di andare a dormire. Sotto gli occhi vigili del babbo e della mamma. Ma il piccolo Elias, un bimbo di 2 anni nuorese, che abita con i genitori in una palazzina di via Gonario Pinna, nel quartiere di Funtana Buddia, è riuscito per un attimo a eludere la sorveglianza. Ha allungato la manina e l’ha affondata nel vassoio della frutta riuscendo a strappare alcuni acini di uva che si è immediatamente infilato in bocca. Due o tre acini tutti insieme e la tragedia è maturata in un frazione di secondo. Il padre e la madre hanno cercato di bloccarlo. Inutilmente. E uno degli acini gli sarebbe andato di traverso. Elias ha strabuzzato gli occhi e ha provato a tossire. Il padre ha capito immediatamente quel che stava accadendo e, sotto gli occhi disperati della moglie, che ha partorito un mese la seconda figlioletta, gli ha infilato le dita in bocca e ha cercato di estrargli gli acini. Uno, due, ma il piccolo non si riprendeva e stava diventando cianotico.

La mamma ha immediatamente telefonato al 118, ma il padre per non perdere neppure un attimo ha preso in braccio il figlioletto, è salito in auto e a tutta velocità è corso verso l’ospedale San Francesco. Una corsa contro il tempo. I medici del pronto soccorso hanno avviato tutte le procedure, ma le condizioni del piccolo Elias continuavano a peggiorare e così è stato trasferito in rianimazione. In condizioni disperate.

Con il passare delle ore, la situazione è diventata sempre più grave e così dal reparto di rianimazione pediatrica è stata inoltrata domanda alla direzione sanitaria dell’Assl per il trasferimento urgente del piccolo in una struttura attrezzata della penisola. È stata così allertata la Prefettura di Nuoro che ha immediatamente inoltrato la richiesta di un aereo alla Sala situazioni di vertice dell’Aeronautica Militare, che tra i propri compiti ha anche quello di organizzare e gestire, in coordinamento con prefetture, ospedali e la Presidenza del Consiglio dei Ministri, questo genere di trasporti.

Dalla base aerea di Ciampino si è immediatamente alzato in volo un Falcon 900 del 31° Stormo di stanza a Ciampino che è atterrato dopo meno di mezzora dall’alerta all’aeroporto di Olbia.

Nel frattempo, il piccolo Elias era stato trasportato su un’ambulanza attrezzata dall’ospedale San Francesco fino all’aeroporto gallurese all’interno di una speciale culla termica che è stata trasferita sull’areo militare che è decollato immediatamente alla volta di Roma. Durante il volo il bimbo è stato assistito da un’equipe medica e dal padre che è sempre rimasto al suo fianco. Appena atterrato

a Ciampino, Elias è stato accompagnato all’ospedale «Bambino Gesù» di Roma dove è stato ricoverato in condizioni disperate. Il padre è al suo fianco, mentre la madre è rimasta a Nuoro con l’altra figlioletta attorniata da parenti e amici che stanno pregando per il piccolo. (plp)

Fonte: lanuovasardegna.it

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: