Nuoro. Femminicidio: Romina confidò al vicino: “Ho paura del mio ex”

Nuoro. Ettore Sini,  è rinchiuso nel carcere di Bancali. L’agente penitenziario  ha ucciso l’ex compagna Romina Meloni di 49 anni, e ferito gravemente il compagno della donna, Gabriele Fois. Stamattina, martedì 2, aprile, comparirà davanti al Gip del tribunale di Sassari per l’udienza di convalida, gli atti verranno poi trasmessi al Gip di Nuoro. I carabinieri lo avevano arrestato domenica notte, in via dei Mille, a Sassari, con sé aveva due pistole. Al sostituto procuratore  Beccu, l’uxoricida, Sini ha detto di aver pensato di farla finita.

Romina Meloni aveva paura di Ettore Sini, una decina di giorni fa, come riporta l’Ansa,  aveva confidato ad un vicino i suoi timori, dopo aver visto passare più volte la Panda del suo ex vicino alla sua casa in cui abitava con il nuovo compagno. Una vita complicata quella di Romina Meloni e di Ettore Sini. Lei con due matrimoni alle spalle e con due figli dalle precedenti unioni; lui un matrimonio fallito e un figlio adulto.
La convivenza tra i due nella casa di Ozieri, paese del quale era originaria la donna (lui invece era di Bono), era iniziata cinque anni fa. Poi la rottura a ottobre quando la donna era andata via di casa. L’agente penitenziario aveva continuato a vivere nell’abitazione dove ospita saltuariamente anche un figlio di lei con il quale aveva tenuto buoni rapporti. La donna nel frattempo aveva cominciato una nuova relazione con Gabriele Fois, senza però parlarne con Sini che, secondo gli inquirenti, ha continuato ad aiutare economicamente la donna, che non aveva un’occupazione stabile ma lavorava saltuariamente come operatrice socio sanitaria. E’ probabile che l’uomo abbia scoperto la nuova relazione della donna solo negli ultimi tempi. Forse per chiedere spiegazioni ha tentato di contattare la donna attraverso il figlio di lei. Non riuscendoci si è presentato a casa del nuovo compagno di Romina Meloni e ha aperto il fuoco.

Ettore Sini, intorno alle 16.40,  si è presentato nella casa di via Napoli a Nuoro, che Fois aveva affittato a gennaio, ha suonato un campanello del palazzo facendosi aprire da una bambina e infine ha bussato alla porta dell’appartamento. Ha aperto proprio Romina che ha intuito le intenzioni del suo ex e ha richiuso la porta. Ma Sini l’ha sfondata e con la sua pistola 7.65 legalmente detenuta, ha esploso cinque colpi: quattro andati a segno. Uno mortale sul collo della donna e altri tre, di cui uno alla testa, su Fois ora ricoverato in gravi condizioni in ospedale a Nuoro. I dettagli sono stati illustrati dai carabinieri di Nuoro.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, coordinati dal maggiore Michele Cappa, comandante del Reparto Investigativo e dal maggiore Gianluca Graziani, che guida la Compagnia di Nuoro, Sini, dopo aver scaricato l’arma è andato nella sua sede di lavoro, nel carcere nuorese di Badu ‘e Carros, ha prelevato la pistola d’ordinanza ed è sparito con la sua Panda a grande velocità dirigendosi verso Sassari. L’uomo, che nel corso della serata è stato raggiunto al telefono dai familiari e dai militari, ha prima manifestato propositi suicidi, poi, dopo sei ore di ricerche, è stato avvistato e arrestato dagli uomini del Nucleo Investigativo dei Carabinieri in via dei Mille a Sassari dove vagava in stato confusionale, con la pistola alla cintola. Rinchiuso nel carcere di Bancali l’uomo è stato interrogato dal Pm della Procura di Sassari Angelo Beccu, in stretto contatto con i magistrati della Procura di Nuoro, Ireno Satta e Riccardo Belfiori titolari dell’inchiesta. L’uomo ha ammesso le sue responsabilità.

Ora è accusato di omicidio e tentato omicidio. Il nuovo compagno della donna, ferito alla testa, è in gravi condizioni all’ospedale San Francesco di Nuoro

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *