On. Cherchi (FI), nuove risorse per indennizzi ai pescatori dell’Oristanese danneggiati dai cormorani

L’incremento delle risorse per i pescatori del compendio ittico del Sinis, con maggiori indennizzi per i danni legati all’invasione di cormorani negli stagni di Cabras edintorni. Una programmazione nel tempo per ridurre la presenza degli uccelli predatori. Sono gli interventi invocati dal consigliere regionale Oscar Cherchi (FI), nel corso dell’audizione in commissione attività produttive tra gli assessori dell’agricoltura e dell’ambiente Caria e Spano e le cooperative ittiche del territorio. <<Dal summit del parlamentino – esordisce l’ex assessore dell’agricoltura – è emersa la mancanza di una gestione volta a rilanciare l’ecosostenibilità ambientale, economica e sociale che ruota attorno alle lagune di Marceddì e Cabras, con decine di cooperative impegnate nel settore. I cormorani stanno infatti distruggendo il patrimonio ittico dei siti, con un disastro senza precedenti che ricadono sui pescatori. E’ stata annunciata una politica di abbattimento dei volatili, che stanno divorando prevalentemente anguille, mugilidi e granchi. Non siamo soddisfatti perché non si comprende l’impatto dell’emergenza su uno dei settori trainanti per l’economia dell’Oristanese>>. I danni prodotti dai cormorani non si fermano al solo prelievo diretto dei pesci, ma si allargano al decremento delle specie ittiche dovuto all’alta mortalità (causata dallo stress dettato dal pericolo dei cormorani). Secondo una stima la perdita delle cooperative ammonta a circa 7milioni di euro. <<Non può bastare il solo abbattimento di questi uccelli predatori – conclude Cherchi – ma occorre aumentare il budget per i pescatori che, costretti a interrompere la loro attività, richiedono risposte atte a mitigare la calamità prodotta da questi volatili acquatici. Nell’ultima finanziaria sono stati stanziati appena due milioni di euro, che sembrano inadeguati per contrastare questa devastazione senza precedenti>>.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *