Operazione “Offside counterfeiting”: Contraffazione in fuorigioco sui campi di calcio

Operazione “Offside counterfeiting”. Il 5, 6 e 7 maggio si terrà, su tutti i campi di calcio dei Campionati di Serie A TIM e Serie B ConTe.it, la giornata della legalità, organizzata dalla Guardia di Finanza con la collaborazione dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi del Ministero dello Sviluppo Economico, della Lega Nazionale Professionisti di Serie A e della Lega Nazionale Professionisti B.
L’iniziativa si inserisce nell’ambito dell’operazione “Offside counterfeiting“, avviata nel settembre del 2017 dal Nucleo Speciale Tutela Proprietà Intellettuale del Corpo, all’inizio del campionato di calcio, per sensibilizzare l’opinione pubblica sui pericoli derivanti dall’acquisto e dall’utilizzo di beni contraffatti e sui pertinenti danni generati al sistema economico e produttivo.
La “discesa in campo” dei diversi stakeholder impegnati nella lotta alla contraffazione rappresenta un concreto esempio di sinergia tra Istituzioni, Forze di Polizia e Aziende che in sintonia affrontano le manifestazioni di illegalità.
La progettualità è associata all’hastag #LORIGINALEVINCE, a ricordo dell’importanza negli asset strategici delle imprese dei titoli di proprietà intellettuale i quali sono un supporto all’innovazione e alla competitività.
La Guardia di Finanza, quale Forza di Polizia a competenza generale per la prevenzione e la
repressione degli illeciti economico-finanziari e degli altri fenomeni di illegalità a questi connessi,
ha orientato la propria azione operativa rivolgendo una particolare attenzione alla contraffazione
di marchi, segni distintivi, brevetti, disegni, alle violazioni alla normativa in materia di diritto
d’autore, alla vendita di prodotti insicuri e pericolosi.
Attraverso attività d’intelligence, analisi di rischio e studi di metodologie d’intervento vengono
poste in essere operazioni volte alla ricostruzione della filiera del falso, che colpiscono anche
quanto strumentale alla commissione dei reati: opifici, magazzini e strutture in uso alle
organizzazioni criminali coinvolte e i relativi patrimoni illeciti.
Il Comandante Generale delle Fiamme Gialle, Generale di Corpo d’Armata Giorgio Toschi
ha voluto sottolineare che “la Guardia di Finanza è sempre in prima linea nella lotta a qualsiasi
tipo di contraffazione, rappresentando, il fenomeno, un moltiplicatore d’illegalità, poiché
contribuisce ad alimentare circuiti illeciti e scorretti, quali il lavoro nero e irregolare, l’evasione
fiscale e contributiva, il riciclaggio di denaro sporco, lo sfruttamento dell’immigrazione
clandestina, l’abusivismo commerciale e le infiltrazioni della criminalità organizzata
nell’economia legale. In questo settore il Corpo – ha precisato il Generale Toschi – ha operato
tangibilmente al servizio del Paese sottoponendo a sequestro, e quindi togliendo dal mercato
materialmente, oltre mezzo miliardo di prodotti contraffatti negli ultimi 10 anni”

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *