Oristano, bandiere a mezz’asta in Comune per le vittime del coronavirus

Bandiere a mezz’asta oggi al Comune di Oristano, in segno di lutto e di vicinanza per tutte le vittime e le famiglie colpite dall’epidemia di coronavirus.

Il Sindaco Andrea Lutzu, in una piazza Eleonora tristemente vuota, ha aderito all’iniziativa promossa dall’Anci e davanti al Gonfalone comunale listato a lutto e alle bandiera esposte a mezz’asta sul Palazzo degli Scolopi, ha osservato un minuto di silenzio.

La cerimonia si è svolta a mezzogiorno in tutta Italia, davanti a numerose sedi istituzionali: al Quirinale, a Palazzo Madama e a Montecitorio. Adesione anche in Vaticano con la Santa Sede che ha esposto le bandiere a mezz’asta, a lutto, per esprimere la propria vicinanza alle vittime della pandemia in Italia e nel mondo, alle loro famiglie e a quanti generosamente lottano per porvi fine.

Significativa anche l’adesione della Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome: tutti i Consigli regionali e le Province autonome hanno osservato un minuto di silenzio e porranno bandiere a mezz’asta in segno di lutto.

Un altro provvedimento che oggi ha adottato il Sindaco di Oristano Andrea Lutzu, è stata l’ordinanza che proroga l’accensione degli impianti di riscaldamento fino al 20 aprile.

Gli impianti potranno essere accesi per un massimo di 5 ore giornaliere.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: