Oristano – In appalto la gestione delle biblioteche. Offerte entro l’11 febbraio 2023

0 0
Read Time:3 Minute, 46 Second

Il Comune di Oristano ha pubblicato il bando di gara europea per la gestione dei servizi bibliotecari comunali, della città e delle frazioni.

L’appalto prevede la gestione triennale della Biblioteca e della Mediateca, all’interno del complesso per attività culturali e di spettacolo Hospitalis Sancti Antoni, e le sedi bibliotecarie decentrate nelle frazioni di Donigala Fenughedu, Nuraxinieddu, Silì e Torre Grande. L’affidamento avverrà mediante procedura aperta, con partecipazione sul portale www.sardegnacat.it entro le ore 13 dell’11 febbraio 2023, e con applicazione del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, sulla base del miglior rapporto qualità prezzo. La proposta tecnica, che comprende anche proposte innovative, prevede premialità sul punteggio finale.

“Nel campo della cultura, il servizio bibliotecario è uno dei più importanti assicurati dal Comune di Oristano – precisa il Sindaco Massimiliano Sanna -. Per la sede centrale attraverso questo bando vogliamo un potenziamento in termini di flessibilità e di offerta dei servizi. Nel corso degli anni la biblioteca è diventata un punto strategico per la cultura del territorio. Il Comune ha investito su questo servizio, aumentando progressivamente i suoi servizi, come quello della mediateca, aprendo nelle frazioni e aderendo a numerose iniziative come il “Patto per la lettura” del Centro del libro e collaborando con le principali istituzioni culturali cittadine”.

“La Biblioteca centrale è ospitata all’interno dell’Hospitalis Sancti Antoni, in 4500 metri quadrati di sale, con un bellissimo chiostro e un giardino, insieme ad altri importanti presidi culturali: la Pinacoteca comunale, l’Istar, il Centro documentazione della ceramica e la Fondazione Oristano – aggiunge l’Assessore alla Cultura Luca Faedda -. L’Hospitalis rappresenta oggi un centro cruciale della cultura con istituzioni che collaborano attivamente e con continuità alla promozione, alla diffusione della conoscenza e alla valorizzazione della storia e delle tradizioni locali. Tra questi, dunque, anche la biblioteca che dispone di spazi ampi e luminosi, ideali per lo studio individuale e collettivo, per la lettura, per attività formative, per incontri con scuole e famiglie, e offre anche servizi multimediali con 8 postazioni internet, di cui una per non vedenti e ipovedenti, lo spazio per la visione di film, apparecchiature per l’ascolto di musica e la connessione Wi-Fi gratuita. Il servizio bibliotecario raggiunge anche le zone decentrate: sono attivi 4 punti di lettura, con 2 postazioni multimediali dedicate agli utenti in ciascuna sede, a Donigala Fenughedu, Nuraxinieddu, Silì e Torre Grande”.

I servizi bibliotecari sono assicurati con fondi comunali e regionali. Nel dettaglio il progetto di gestione della Biblioteca della città è finanziato con fondi del bilancio comunale, mentre quello sul decentramento del servizio bibliotecario e per la gestione servizi digitali è finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna e con fondi del bilancio comunale, ed è condizionato alla concessione del contributo regionale per le annualità 2023 – 2025.
L’importo stimato dell’appalto, per il periodo di 3 anni, ammonta a 880 mila euro. L’importo a base di gara soggetto a ribasso è pari a 754 mila euro: 705 mila euro per il costo del personale e 49 mila euro per le spese generali.
Con la nuova gestione per la Biblioteca centrale dovranno essere assicurate 7.696 ore annue di apertura (148 ore settimanali per 52 settimane annue) con 4 operatori, per il servizio Mediateca 1.152 ore annue (24 ore settimanali per 48 settimane annue), mentre per le sedi decentrate di Donigala, Nuraxinieddu, Silì e Torre Grande sono previste 4.608 ore annue (96 ore settimanali per 48 settimane annue) con 5 operatori.

“La ditta aggiudicataria in accordo con l’amministrazione comunale, nel rispetto della diversa vocazione delle singole biblioteche, dovrà proporre temi e soggetti su cui concentrare l’attenzione, realizzando iniziative culturali capaci di attrarre l’attenzione anche di coloro che non sono frequentatori abituali – precisa l’Assessore Faedda -.  Il progetto di gestione darà diritto a premialità utili per l’aggiudicazione. Per il Comune sarà importante il ruolo che la biblioteca saprà esercitare attraverso forme di collaborazione con gli altri soggetti, pubblici e privati, della realtà culturale locale come scuole, asili, ludoteche, musei, associazioni, creando in ogni ambito nuove e diverse dinamiche di socializzazione, aggregazione e integrazione. Ogni anno dovrà essere presentato un Piano delle attività di promozione con le attività per le famiglie, bambini, adolescenti e giovani, per le scuole e altre agenzie educative, per il mondo dell’associazionismo, per la gestione dell’iniziativa “La biblioteca va al mare” nella sede di Torre Grande durante i mesi estivi e con un piano della comunicazione attraverso il sito istituzionale, i social network e gli altri media”.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: