Oristano – Seminario “Parlare di cinema” 2022

0 0
Read Time:2 Minute, 48 Second

Dopo due anni di assenza, a causa dell’emergenza sanitaria, a novembre avremo il ritorno di Bruno Fornara (critico di “Cineforum”, docente di cinema alla Scuola Holden di Torino e selezionatore alla Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia)al Centro Servizi Culturali UNLA di Oristano con lo “storico” seminario Parlare di Cinema.

Con tematiche sempre differenziate, il corso si propone di dare elementi di conoscenza per una migliore comprensione delle opere filmiche, ed  è diventato un appuntamento abituale e atteso per le persone interessate alla cultura cinematografica.
Il tema sviluppato nell’edizione 2022 di Parlare di Cinema sarà “Andare al cinema fa bene.”e si svolgerà da lunedì 14 a venerdì 18 novembre (Lun-Mar-Mer-Giov 16.00-20.00, Ven 15,00-17,30)  nei locali del Centro Servizi Culturali in via Carpaccio 9 a Oristano.

Per partecipare al seminario è necessario essere iscritti al Centro Servizi Culturali. L’iscrizione è gratuita.

Riprendiamo il cammino. Lo sappiamo: “Andare al cinema fa bene”. Eccoci qui con una bella collezione di film del 2019, 2020 e 2021. Un giro del mondo. E al corso ne porto tanti altri…
I miserabili. Parigi, oggi. Non quella di Victor Hugo. Periferia, polizia, gang, un cucciolo di leone rubato. Ennio. Tornatore racconta Morricone. Film dolcissimo. Qui rido io. Martone racconta Scarpetta, grande teatrante. La gioia del palcoscenico. Illusioni perdute. Filmone da Balzac. Cattive acque: una battaglia, l’agricoltore e l’azienda chimica. Lunana – Il villaggio al confine del mondo. Ma l’avete mai visto un film dal Bhutan? Babyteeth: Australia, il dentino della ragazzina e il giovane sbandato. Martin Eden, Jack London trasferito a Napoli. «La colossale mediocrità senza amore della borghesia». Richard Jewell. Uno dei più bei film di Clint Eastwood. Uno dei suoi “eroi minori”. Aria ferma. Uno dei migliori film italiani dei nostri anni. Il carcere come luogo di umanità. Dio è donna e si chiama Petrunya. Un film dalla Macedonia. Regista donna. Petrunya sfida i maschioni. Scompartimento n. 6. Un amore (strambo) in treno nel gelo russo. La vita invisibile di Euridice Gusmão. Brasile, due sorelle, il pianto, il silenzio, l’urlo. J’accuse – L’ufficiale e la spia. Sempre grande Polanski. Il caso Dreyfus, il processo e la verità. Il ritratto del ducaIl capo perfetto, Mandibules, Finale a sorpresa: tutte commedie, argute, aguzze, balorde. The father – Nulla è come sembra. Il vecchio padre. Spazio e tempo visti da dentro la sua mente. Tre piani. Nanni Moretti e il suo tema ossessivo: padri/madri–figli/figlie. Belfast. Un ragazzo tra le bombe. Open arms – La legge del mare. Lesbo, i morti tra le onde. Chi li salva? Un catalano! Marx può aspettare. Marco Bellocchio si confessa. Film stupendo. Parasite. Corea del Sud. I ricchi sempre ricchi. I poveri contro i poveri. Lo scantinato e la finestrella. Quo vadis, Aida? La strage di Srebenica. Una donna in lotta. E l’Onu? Nomadland. L’America di chi non ha e non vuole una casa. Nomadismo di oggi. Drive my car. Un film memorabile. Giappone. Vita e teatro, recitare e essere. Alice e il sindaco. Lione. Il sindaco non ha più idee. La ragazza sì. After love. Delicato, amorevole, imprevedibile. Un piccolo grande film.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: