Piano europeo di lotta contro il cancro, arriva il via libera della camera dei deputati alla mozione di maggioranza a prima firma Lapia

0 0
Read Time:3 Minute, 20 Second

Roma. Quest’oggi la Camera dei Deputati ha dato il via libera alla mozione unitaria di maggioranza a prima firma della deputata Mara Lapia, che impegna il Governo ad adottare tutte le iniziative necessarie volte a mettere in atto le misure previste dal Piano Europeo di lotta contro il Cancro, già approvato lo scorso febbraio 2021 dal Parlamento Europeo. La mozione, che contiene molteplici impegni rivolti al Governo per sostenere i pazienti oncologici, la ricerca scientifica, il diritto all’oblio, la diffusione delle cure innovative e il rafforzamento delle reti oncologiche regionali, mira inoltre ad accelerare il processo di adozione del nuovo Piano oncologico nazionale, la cui bozza è già stata presentata dal Ministro della Salute Roberto Speranza nelle scorse settimane.

Proprio la deputata Mara Lapia, nel marzo 2021, aveva presentato al Parlamento una mozione che impegnava il nostro Paese ad aderire al Piano Europeo di lotta contro il Cancro e a potenziare il sostegno ai pazienti oncologici durante una delicata fase di emergenza sanitaria dovuta alla pandemia. Oggi, dopo un lavoro di confronto all’interno della maggioranza al fine di produrre una mozione unitaria sottoscritta da tutti i gruppi parlamentari che sostengono il Governo Draghi, è giunto finalmente il voto finale del Parlamento su un testo che la stessa Lapia definisce “di fondamentale importanza, poiché fa in modo che il nostro Paese compia un passo importante nella lotta contro il cancro”.

“Si è trattato di un lavoro intenso – commenta la parlamentare sarda – su un tema che per me rappresenta un obiettivo primario dall’inizio di questa Legislatura: il paziente oncologico, soprattutto dopo questa fase di emergenza sanitaria, deve tornare al centro dell’agenda politica del nostro Paese, perché i numeri che ci prospetta l’Unione Europea sono davvero preoccupanti e non possiamo più tergiversare su un tema così delicato. C’è il rischio – prosegue la deputata – che entro il 2035 il cancro possa diventare la prima causa di morte in assoluto nel nostro continente. Una prospettiva devastante se si pensa alle conseguenze dell’interruzione di molti processi di screening tumorale durante la fase più cruenta della pandemia da Covid-19, unitamente al rallentamento e talvolta alla sospensione della somministrazione delle terapie antiblastiche in molte regioni d’Italia: conseguenze che rischiano di generare lo scoppio di una nuova pandemia, ben più grave di quella che ci lasciamo oggi alle spalle. Mettere in atto un piano d’azione europeo, che coinvolga le eccellenze di tutti gli stati membri e ponga le basi per una collaborazione transfrontaliera nella lotta contro il cancro, deve oggi essere la nostra assoluta priorità”.

Gli impegni della mozione prevedono, tra le altre cose, il continuo sostegno alla ricerca scientifica, la previsione dell’istituzione di un fondo permanente a sostegno dell’oncologia pediatrica, il potenziamento delle reti oncologiche regionali, l’adozione di normative volte ad istituire il diritto all’oblio per i guariti dal cancro, il sostegno alla riabilitazione degli ex pazienti oncologici, l’omogeneizzazione dei percorsi di presa in carico e cura del paziente su tutto il territorio nazionale, la creazione di campagne di informazione e raccolta dati al fine di consentire la messa in campo di strategie di prevenzione mirate, il supporto all’utilizzo delle terapie innovative e dunque il sostegno alla medicina personalizzata, l’esenzione dal ticket sanitario anche nelle fasi di indagine per le possibili nuove diagnosi di cancro, il rafforzamento dell’assistenza territoriale, il riconoscimento della psiconcologia come professione sanitaria e l’accelerazione per l’adozione del nuovo Piano oncologico nazionale.

“Mi auguro che quello di oggi – dichiara l’onorevole Lapia – sia solo il primo passo: mi aspetto una maggiore attenzione sul tema dell’oncologia e della presa in carico dei pazienti oncologici, così come mi auguro ci sia un maggior coinvolgimento delle associazioni sulle scelte che questo Parlamento si ritroverà a prendere nei prossimi mesi. Oggi diamo finalmente, a coloro che soffrono e conducono questa importante battaglia, una speranza in più. Dal cancro oggi si può guarire: questa deve essere la strada da perseguire” ha concluso la deputata.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: