Policlinico Monserrato, Floris (Fp-Cisl): "Spazi e personale per i pazienti"

“Il primo gennaio è stata chiusa l’O.B.I.(Osservazione Breve) per carenza di medici e la situazione è diventata veramente insostenibile, compreso il collasso nelle medicine del Blocco M.”

Alessandro Floris, segretario territoriale Fp-Cisl Cagliari, si esprime così in seguito alle decisioni attuate dai vertici dell’AOU Cagliari.

“A titolo di esempio, – prosegue il sindacalista- questa mattina in reparto c’erano 59 pazienti, un numero di per se altissimo. Si tratta di una consuetudine che preoccupa maggiormente il personale vista l’impossibilità logistica di garantire un posto letto a tutti. Per ovviare a ciò, si porta a tre degenti la capienza di ogni stanza e si occupano le stanze destinate all’ecografia e addirittura all ‘accettazione pre-ricovero”.

Il grido d’allarme è l’occasione per rilanciare il tema della carenza di personale ,una costante nella Sanità pubblica.

“Definiamo questa situazione esplosiva, fuori controllo e non più tollerabile a cui si aggiunge la carenza di infermieri ed oss. Abbiamo bisogno di ulteriori spazi non presenti ma abbiamo bisogno di ulteriori risorse umane. Il personale del Policlinico di Monserrato ha un età media elevata e con limitazioni funzionali ad operare su più turni. La situazione ci accomuna agli altri presidi ospedalieri cagliaritani e il tutto si riflette sull’incapacità di garantire la giusta assistenza sanitaria”.

“Chiediamo pertanto – conclude Floris – che le Istituzioni preposte seguano immediatamente lo sviluppo di questa situazione che noi definiamo letteralmente oltre misura. Da parte nostra, siamo pronti ad ogni forma di protesta.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: