Porto Canale, Cgil ai concessionari: “Perchè non prorogare la cassa integrazione?

“È assolutamente inaccettabile e immotivato il rifiuto di Cict e Conship di prorogare la cassa integrazione per i 200 lavoratori del Porto Canale di Cagliari che, proprio oggi, alla scadenza del bando internazionale, ha incassato ufficialmente una proposta di rilancio”

Cosi il segretario della Camera del Lavoro Cgil di Cagliari Carmelo Farci e
la segretaria Filt Cgil Massimiliana Tocco commentano il dietro front c della concessionaria attuale intenzionata a voler proseguire con la procedura di licenziamento collettivo.

“Domani proseguirà l’incontro iniziato oggi e sarà una giornata determinante, si tratta dell’ultimo giorno utile per scongiurare i licenziamenti e attingere dal decreto del governo le risorse per prorogare la cassa integrazione per altri sei mesi”.

Se così non fosse si creerebbe una situazione inaccettabile proprio nel momento in cui si intravvede uno spiraglio serio nella prospettiva di rilancio del transhipment nel Porto di Cagliari. “Per queste ragioni – concludono Carmelo Farci e Massimiliana Tocco – annunciamo sin da ora che metteremo in campo tutte le azioni utili a raggiungere un
obiettivo irrinunciabile”.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: