Presentato in conferenza stampa il Trail del Marganai 2020

L’appuntamento con il Trail del Marganai, giunto alla quinta edizione, è ormai vicinissimo: la gara internazionale – inserita nel circuito-campionato ‘Sfida Sentieri Sardi’ come terza tappa – è in programma per il prossimo 15 Marzo 2020.

Ieri a Buggerru, dinanzi ad un folto pubblico, alla stampa ed ai rappresentanti della municipalità ospitante, c’è stata la conferenza stampa di presentazione dell’evento, denso di importanti novità.

Il Sindaco Laura Capelli dopo i ringraziamenti di rito, ha sottolineato la valenza dell’iniziativa che non è soltanto una manifestazione sportiva ma anche un’importante vetrina per il territorio, accolta per questo con entusiasmo dall’amministrazione.

Quest’anno il trail del Marganai avrà come nuovo partner dell’evento, il prestigioso brand ‘Salomon’, leader nell’abbigliamento ed attrezzature del settore, unitamente ad altri prestigiosi marchi quali ‘Mytho’, ’Stile Alpino’ ed ‘Eye Sport’, storici sponsor fin dalle passate edizioni. La collaborazione è stata svelata da Alessandra Sotgiu vicepresidente della società organizzatrice ASD Marganai K24, che ha poi spiegato quali saranno i nuovi tracciati delle tre gare agonistiche, con l’importante novità del passaggio nella galleria Henry (scavata nel 1865 e lunga 1 Km, importante opera della grande miniera di Planu Sartu che consentiva il trasporto dei minerali per mezzo di una rotaia dai cantieri sotterranei alle distanti laverie).

Il trail in programma, con percorsi di diversa distanza, avrà come cornice la macroarea Linas/Marganai/Fluminese situata nel sud ovest della Sardegna, nella provincia di Carbonia-Iglesias.

Saranno tragitti che si snoderanno lungo villaggi minerari abbandonati e bellezze naturalistico-archeologiche come il Tempio di Antas dedicato al Sardus Pater, toccando i territori di Buggerru, Fluminimaggiore e Iglesias.

La manifestazione prevede in specifico tre gare di corsa tra i bellissimi e variegati paesaggi del Marganai: la 58 Km con un dislivello di 3000m D+, la 36 Km con 1900m D+ e la 22 Km con 1050m D+.

Sarà inoltre possibile iscriversi alla non-competitiva di 11 Km con 560m D+ che percorrerà il suggestivo ‘Sentiero delle Cernitrici’.

Proprio di questo ha parlato Aldo Murtas presidente della ASD Marganai K24 e patron della manifestazione: l’intento della manifestazione di quest’anno, oltre che la promozione del territorio, il rispetto dell’ambiente e la beneficienza (1 euro per ogni atleta e per ogni Pasta Party, verrà devoluto in beneficenza oltre agli eventuali utili al netto delle spese e donazioni), è di ricordare il tragico incidente del 18 marzo 1913 avvenuto in località Gennarenas che causò la morte di 4 cernitrici, rispettivamente di 15, 19, 23 e 35 anni e il ferimento di altre due donne di 18 e 33 anni e di un giovanissimo di 14 anni.

Uno dei lavori più umili legati all’attività mineraria, era quello della cernita, cioè la separazione manuale della pietra estratta tra quella ricca di minerale e quella più povera. Questo lavoro, pagato pochissimo, era svolto prevalentemente da donne che non avevano nessun altro reddito o dai bambini.

Il sacrificio di queste lavoratrici e più in generale quello di chi ha sacrificato la propria esistenza lavorando in miniera, vuole essere un esempio e – come spiegato dal presidente Murtas – la ASD Marganai K24 ha pensato, volendo ricordare il sacrificio di quelle vite, di dedicare in loro onore l’intera giornata.

L’A.S.D. Marganai K24, organizzatore della manifestazione, come forma di riconoscenza nei confronti della comunità di Buggerru, si sta impegnando per il ripristino dei tabelloni informativi, oramai deteriorati dagli anni e dal sole, lungo il cosiddetto ‘Sentiero delle Cernitrici’.

Va inoltre sottolineato come sia stata fondamentale nell’organizzazione dell’evento, l’insostituibile ruolo svolto da Forestas: solo attraverso l’impegno e la volenterosa collaborazione del proprio organico, è stato possibile che la gara possa svolgersi in tutta sicurezza; passaggi difficoltosi, quelli dei sentieri percorsi dalle Cernitrici, luoghi da tempo impercorribili, pietrosi ed estremamente impervi, sono oggi fuibili e di nuovo accessibili grazie al magistrale intervento che solo Forestas con uomini e mezzi poteva garantire.

Nel corso della serata sono stati poi forniti chiarimenti in ordine al cambiamento di location del trail, che nelle scorse edizioni si è tenuto nel territorio del Comune di Domusnovas: la manifestazione nata nel 2014 come progetto educativo e formativo portato avanti da un gruppo di Scout, appartenenti alla Sezione di Cagliari 24 dell’Associazione Assoraider APS, nelle prime tre edizioni aveva avuto una organizzazione di gara gestita sempre dal medesimo gruppo scout, con l’appoggio del Consorzio Natura Viva quale principale interlocutore locale, che poneva a disposizione la Cartiera, punto di partenza, arrivo e location del pranzo post gara.

L’edizione 2019 del Trail, ha invece avuto una gestione paritaria tra alcuni componenti adulti del gruppo scout e il Consorzio, con una divisione di compiti e settori: gestione della parte economica relativa agli introiti della gara, finanziamenti pubblici, sponsor e contatto con le pubbliche autorità, spettante al Consorzio; aspetti tecnici della gara come iscrizioni, comunicazione con atleti, preparazione percorsi e gestione della gara stessa, di competenza degli scout.

Giunto nel frattempo a termine il progetto educativo scout, gli adulti del gruppo – determinati nel voler ancora continuare ad organizzare la gara – elaboravano una nuova ‘formula associativa’ creando la A.S.D Marganai K24, con la ripresa dei preparativi per l’edizione 2020.

L’idea di base della neonata A.S.D. Marganai K24, era quella di continuare nella collaborazione col Consorzio; l’elaborazione di un protocollo di intesa su cui lavorare per chiarire ruoli e funzioni di entrambi i soggetti, fu il passo successivo.

In realtà il Consorzio Natura Viva proponeva per se il ruolo di unico soggetto organizzatore, con possesso del logo e della organizzazione; la controproposta della A.S.D. Marganai K24, prevedeva invece una suddivisione dei ruoli, con la gestione economica e di rapporti con le Pubbliche Amministrazioni al Consorzio e l’organizzazione di tutta la parte ‘sportiva’ della manifestazione e del pranzo, di responsabilità della A.S.D.

Quest’ultima controproposta, non fu accolta favorevolmente da parte del Consorzio Natura Viva Sardegna, che comunicò formalmente che ”il progetto Trail del Marganai è giunto a termine”.

L’epilogo è l’oggi: il progetto ha trovato casa in altra zona territoriale, quella di Buggerru e Fluminimaggiorei, grazie alla preziosa collaborazione di Lino Cianciotto ed il supporto della società sportiva di MUVRAS.

Da ultimo, l’A.S.D. Marganai K24 ha trovato comunione di intenti e disponibilità col Comune di Buggerru, che ha accolto il progetto, l’idea di ospitarlo e la più ampia disponibilità per la buona riuscita dell’evento di gara.

Alberto Porcu Zanda

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: