Progetto TREMASA: per dire no al deposito di scorie nucleari

Progetto TREMASA, l’idea è dei fotografi Alessandra Cecchetto e Maurizio Olla. Un reportage per raccontare i centri inseriti nella Cnapi, la Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee a ospitare il deposito unico di scorie nucleari.

Tremasa sono le tre regioni storiche della Sardegna in cui sono state individuate le 14 aree potenzialmente idonee per il sito di stoccaggio di rifiuti radioattivi: TRExenta, MArmilla, SArcidano.
Tremasa o Tremas, è la sensazione di tremore che provi quando una mattina di Gennaio, sfogliando le notizie sul giornale, scopri che a meno di un chilometro dalla tua casa, dalla tua azienda, probabilmente sarà creato un sito di stoccaggio nazionale di rifiuti radioattivi.
Tremasa è un progetto multimediale che unisce vari linguaggi comunicativi; trova casa nel social visivo per definizione Instagram e nel più classico Facebook.
Alessandra e Maurizio, fotografi Sardi impegnati da anni nel Reportage sociale, con la loro sensibilità e il loro forte senso di appartenenza al territorio, hanno deciso di offrire attraverso le loro fotografie una prospettiva differente, uno spunto di riflessione per la costruzione di un futuro diverso e sostenibile.
Daranno un volto ed una voce alle persone ed alle aziende che sorgono nei territori coinvolti dalla CNAPI ( carta aree
potenzialmente idonee per il sito di stoccaggio),faranno conoscere le storie che in essi sono racchiuse, come ispirazione per un modello di crescita più consono e compatibile con le realtà e specificità sarde.
Molte delle aziende che racconteranno si occupano di agricoltura e produzione biologica, custodiscono e proteggono i saperi e le tradizioni; vivono di sacrificio, e in quel sacrificio hanno trovato il senso della loro vita

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: