Protesta latte. Giornata carica di tensione in Sardegna

Giornata carica di tensione oggi in Sardegna, alla vigilia del tavolo di filiera convocato  per domani a Roma per trovare un’intesa sul prezzo del latte ovino. I pastori rilanciano chiedendo subito 80 centesimi al litro, contro i 72 proposti, per arrivare a un euro a fine stagione.
Inoltre gli allevatori premono per una riforma dell’intero settore lattiero-caseario sardo, per garantire un prezzo stabile nel tempo, e considerano fallimentare l’azione di tutti i Consorzi di Tutela della Dop dei quali sollecitano l’azzeramento dei Cda.

Intanto le proteste continuano, blocchi stradali, autocisterne assaltate e migliaia di litri di latte sversati. A Torpè, nel Nuorese un ordigno artigianale di alto potenziale, accompagnato da scritte «no voto per i pastori», è stato trovato inesploso in una struttura usata di norma dal Comune come seggio elettorale. Nel Sulcis, invece, quattro persone incappucciate hanno fermato un autotrasportatore che si apprestava a conferire il latte ai caseifici e lo hanno costretto a gettare il prodotto in strada. All’altezza di Posada un centinaio di pastori si è dato appuntamento per un simbolico sversamento di massa da un cavalcavia. Dal centro al sud dell’Isola: presidi sulla statale 195, tra Cagliari e Pula, con sette chilometri di coda vicino alla raffineria Saras, poi latte e formaggi sono stati regalati agli automobilisti.
Il tavolo al ministero dell’Agricoltura è convocato per domani alle 12 con tutti i soggetti coinvolti nella crisi. Ma uno dei Consorzi di tutela, quello del Pecorino sardo, ha già fatto sapere che diserterà l’incontro.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *