Il pullman Arst è guasto, salta la corsa dei lavoratori, a Senorbì furti di gasolio dagli autobus

Arst – La malattia è cronica, ritardi, corse saltate, furti di gasolio, ma tranquilli, il malato respira. Intanto ancora una volta i pendolari del Parteolla hanno atteso invano il passaggio del pullman dell’Arst, stavolta è toccato a quello dei lavoratori delle 06:50 di mercoledì 29 novembre. Non è passato, causa, guasto. La notizia è filtrata subito attraverso la pagina Facebook del Comitato utenti di Dolianova.
Elisabetta Caredda del Comitato, ricevuta dallo staff di Gabinetto dell’Assessorato regionale per i Trasporti, ha avuto modo di accennare ai funzionari presenti, delle varie problematiche sui trasporti che in questi mesi hanno sollevato come Comitato. Disponibile al dialogo anche l’Assessore Carlo Careddu che ha condiviso il principio di un inizio di collaborazione,, volta a considerare i disagi dei pendolari del Parteolla e paesi limitrofi. Come riportato dal comitato in una nota: “Entro settimana il Comitato scriverà ai suddetti funzionari un riepilogo delle richieste poste all’attenzione dell’ARST, più volte trasmesse ed evidenziate grazie anche ai quotidiani che ci seguono. Affronteremo inoltre il problema dell’inadeguatezza nel modo in cui è stato applicato il nuovo piano tariffario che ha visto penalizzare in maniera pesante i pendolari di Dolianova. E’ un primo passo, l’auspicio è che questo dialogo possa realmente cominciare a portare un qualche segno di cambiamento e miglioramento dei servizi, a partire subito, nel tempo più breve possibile, almeno da quelli che non richiedono un costo aggiuntivo o significativo che sia. Come dice il detto “vedere per credere”!
Nel frattempo con una nota dell’1 dicembre 2017 indirizzata ai dirigenti ARST, la rappresentanza sindacale aziendale Arst-Cagliari della federazione italiana lavoratori trasporti, fa sapere che quasi quotidianamente vengono segnalati dagli operatori di Senorbì furti di gasolio dai serbatoi degli autobus che procurano oltre al danno economico anche l’interruzione del servizio.

Stefania Cossu

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *