Putin dice che l’Italia è un paese governato da incapaci, una bufala, ma è la triste realtà

0 0
Read Time:1 Minute, 21 Second

Putin dice che l’Italia è un paese governato da incapaci e schiavo dell’Europa. La notizia, falsa, è diventata virale sui social. Si tratta di una bufala. Ecco il testo:

“Vede l’Italia è un grande Paese con un grande popolo ed una storia molto importante, ma oggi non vale nulla, vale meno di 2 metri quadrati di deserto, purtroppo è un paese governato da incapaci, per altro non eletti da nessuno, che sono solo capaci a farsi calpestare dai vertici Europei. L’Italia è diventata un rifugio per clandestini e terroristi, dove entrare è semplice e restarci ancora di più.” – Continua il leader Russo – “Ci sono paese che pur di schiacciare l’Italia, stanno facendo una politica distruttiva, per portare il popolo alla disperazione. Non escludo sia una tecnica studiata a tavolino per rendere inerme uno dei paesi più belli del mondo. Il popolo Italiano, in caso di necessità potrà contare sul mio aiuto, così come ho sempre confermato al mio amico Silvio Berlusconi.” Alla richiesta di quale possa essere la soluzione del bel paese risponde: “Oggi i leader che possono sconfiggere i parassiti sono ben pochi, sapete tutti della mia amicizia con il Presidente Berlusconi, credo che il mio amico in compagnia di Salvini e della Meloni possa davvero fare la differenza”.

 

Nessun riscontro in nessuna agenzia, né fonte estera. Il leader russo non è certamente interessato alle dinamiche del centrodestra italiano né tanto meno a dichiarare che l’Italia è «un paese governato da incapaci, per altro non eletti da nessuno».

Fatto sta che queste parole messe nella bocca di Putin rispecchiano profondamente la realtà

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: