Quartu, la lettera di Gabriele Marini: “Lascio i Riformatori, non la politica”

0 0
Read Time:2 Minute, 15 Second

Lascio un gruppo politico dopo ventidue anni di militanza, un leader incontrastato ed amici, con cui ho condiviso progetti e iniziative che rimarranno uniche nella storia politica della nostra regione: i Referendum regionali del 2012; la prima proposta di legge costituzionale di iniziativa popolare “Insularità in costituzione”, che porterà ad un risultato incredibile per la nostra Sardegna.

Mi rendo conto, che queste iniziative, pur importanti, non sono state sufficienti a cambiare il sistema politico, che risulta essere sempre più distante dai cittadini, per la mancanza di attrattività e quindi di una partecipazione attiva importante.

Eppure, la Costituzione affida ai partiti, l’importante ruolo di mediatori, tra gli interessi dei cittadini e le esigenze di governo delle istituzioni, nonostante ciò, tanti partiti e movimenti, si sono limitati alla gestione del consenso, sacrificando la “partecipazione democratica” dei propri iscritti.

Il rammarico è non essere riuscito a far prevalere tale principio nell’organizzazione che lascio, posso dire di averci provato seriamente, ma non sempre, il partito ha corrisposto all’emergere di opinioni differenti e un efficace confronto di idee, che nel tempo hanno determinato incertezze politiche ma anche scelte improvvide per la mancanza di ascolto delle sollecitazioni dei dirigenti quartesi.

Ecco le principali ragioni che mi hanno determinato a lasciare i Riformatori. Da tempo si sono allontanati dalla politica nei territori e in particolare da Quartu che ha dato tanto alla crescita regionale del partito.

Questo è il mio modo per dire basta ad un percorso politico senza via d’uscita, nella convinzione che non si governa una “Regione o una Città senza coinvolgere i cittadini”.

Siamo un riferimento importante nella nostra comunità e per questo, con estrema chiarezza, abbiamo il dovere di comunicare le ragioni della nostra scelta.

Ho 57 anni, sono stato Consigliere comunale eletto nelle liste dei Riformatori a Quartu per tre mandati, dal 2001 al 2015,  ho ricoperto l’incarico di assessore e vicesindaco, primo dei non eletti in Consiglio regionale nel 2014, nella lista dei Riformatori.

L’entusiasmo e le energie che accompagnano la mia attività politica è per me pari alla responsabilità che ancora sento nei confronti dei cittadini, ai quali intendo offrire la mia credibilità personale.

La mia idea è che per troppo tempo la politica ha immaginato di poter governare senza i cittadini, occupandosi poco dei loro bisogni, del loro disagio e delle loro speranze. La politica che parla a se stessa, che fa gioco a sè, non è una buona politica. E questo non piace nè a me nè agli elettori.

I cittadini vogliono conoscere, vogliono partecipare e la politica ha bisogno di serietà e competenze! 

Ed è questo il compito al quale ci apprestiamo con la scelta che oggi facciamo e che comunichiamo ai cittadini.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: