Reddito di cittadinanza: manette ai furbi

0 0
Read Time:1 Minute, 10 Second

Il reddito di cittadinanza è sempre più al centro del dibattito politico con le opposizioni che attaccano su tutti i fronti. Oltre alle scintille sulle

risorse è anche scontro sulle modalità con cui verrà messo sul campo il reddito minimo. In questo momento l’ipotesi più probabile è quella di una card che verrà usata dagli aventi diritto per acquistare beni di prima necessità come ad esempio alimentari, vestiti e affitti. I movimenti delle carte verranno tutti monitorati per evitare, secondo quanto riferito anche dal vicepremier Luigi Di Maio acquisti come sigarette e Gratta e Vinci.


“Sei anni di galera per i furbi”

Ma attenzione: il rischio più grande che corre il provvedimento è quello che chi lavora in nero possa percepire il reddito e spendere le entrare dal sommerso per gli acquisti secondari e la card col reddito minimo per quelli primari. Su questo fronte è tornato a parlare Di Maio che ha annunciato una stretta agitando anche le manette: “Abbiamo inserito in questa norma anche una serie di misure che contrastano i furbi, perchè noi ci vogliamo rivolgere solo alle persone perbene e a chi si comporta onestamente. Se imbrogliano – ha spiegato il vicepremier – si beccano fino a sei anni di galera per dichiarazioni non conformi alla legge”. Insomma il reddito di cittadinanza sarà sottoposto ad una sorta di “Grande Fratello” fiscale che però potrebbe non bastare per dare un freno ai furbi.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: