La Polizia di Stato, il Ministero dell’Istruzione, con Una vita da social l’11 febbraio per incontrare 60mila studenti sul ema del cyberbullismo

Nell’ambito delle iniziative promosse per celebrare il SaferInternetDay 2020, che quest’anno si terrà martedì 11 febbraio, la Polizia Postale e delle Comunicazioni in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, ha organizzato workshop e dibattiti sul tema del cyberbullismo su tutto il territorio nazionale.

Si tratterà di un’edizione speciale del progetto Una vita da social con lo svolgimento in contemporanea, il prossimo 11 febbraio, di incontri presso le scuole di 100 capoluoghi di provincia italiani.

La Polizia Postale e delle Comunicazioni, in occasione della celebrazione della giornata mondiale della sicurezza informatica, incontrerà oltre 60.000 ragazzi uniti dallo slogan della campagna “insieme per un internet migliore”.

L’obiettivo delle attività di prevenzione/informazione è quello di coinvolgere, educare e formare i ragazzi a sfruttare le potenzialità comunicative del web e delle community online senza correre i rischi connessi al cyberbullismo, alla violazione della privacy altrui e propria, al caricamento di contenuti inappropriati, alla violazione del copyright e all’adozione di comportamenti scorretti o pericolosi per sé o per gli altri, stimolando i giovani a costruire relazioni positive e significative con i propri coetanei anche nella sfera virtuale. 

“La sensibilizzazione sui temi della sicurezza online e sull’uso responsabile della rete – dichiara Nunzia Ciardi Direttore del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni – è un impegno quotidiano della Polizia Postale e delle Comunicazioni. E la collaborazione con il Ministero dell’Istruzione è imprescindibile. Iniziative come quella della giornata mondiale dedicata alla sicurezza in Internet, continua Ciardi, celebrata ormai in oltre 150 paesi tra cui l’Italia, sono di grande importanza perché aiutano a portare la sicurezza della rete all’attenzione di un grande numero di persone, giovani e adulti, che a loro volta sono ineliminabili figure di riferimento per orientare i più piccoli ad un uso sicuro e responsabile della rete”.

In Sardegna la Polizia Postale e delle Comunicazioni ha adottato le seguenti iniziative:

Cagliari

Il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni ha organizzato un convegno presso il Convitto nazionale statale “Vittorio Emanuele II” suddiviso in due momenti, la mattinata sarà dedicata agli studenti e agli insegnanti mentre il pomeriggio sarà rivolto a tutti i genitori degli alunni del convitto nazionale.

Sassari

Il personale della Sezione Polizia Postale terrà una conferenza presso il liceo scientifico “Spano”.

Nuoro

Personale della locale Polizia Postale terrà una lezione sui rischi della rete e cyberbullismo presso la scuola secondaria di I° di Borore dell’Istituto comprensivo

n.1 di Macomer.

Oristano

Il personale della specialità terrà un incontro con alunni ed insegnati presso la sede di Seneghe dell’istituto comprensivo Santulussurgiu.



DATI STATISTICI CYBERBULLISMO
 2017*2018**2019***
 Minore vittima (denunciante)Minorenni denunciatiMinore vittima (denunciante)Minorenni denunciatiMinore vittima (denunciante)Minorenni denunciati
Stalking1311411185
Diffamazione online8812109611428
Ingiurie – Minacce – Molestie116111221114111
Furto identità su Social Network8026008715
Diffusione materiale pedo online281340128162
Sextortion331443201915
TOTALE3585338860460136

2017* 13 vittime di età inferiore a 9 anni; 85 vittime di età 10/13 anni; 227 vittime di età 14/17 anni; 33 vittime minori di sextortion.
2018**






18 vittime di età inferiore a 9anni; 88 vittime di età 10/13 anni; 240 vittime di età 14/17 anni; 43 vittime minori di sextortion.
2019*** 52 vittime di età inferiore a 9 anni; 99 vittime di età 10/13 anni; 309 vittime di età 14/17 anni; 19 vittime minori di sextortion.






print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: