Sanità, Carla Cuccu (misto): ‘Arnas Brotzu riveda provvedimenti su accesso parenti dei degenti’

0 0
Read Time:2 Minute, 32 Second

Cagliari. Comunicato stampa della Consigliera regionale della Sardegna, Carla Cuccu sul provvedimento con il quale si vietano le visite dei parenti dei degenti al San Michele, all’oncologico Businco e al Microcitemico ‘A.Cao:

-“La direzione generale dell’Arnas ritiri immediatamente il provvedimento con il quale vieta le visite dei parenti dei degenti al San Michele, all’oncologico Businco e al Microcitemico ‘A.Cao’. Non è tollerabile che, ancora una volta, il servizio sanitario regionale scarichi sui cittadini la sua incapacità organizzativa rispetto ad un virus sicuramente contagiosissimo e pericoloso, ma con il quale conviviamo ormai da due anni”. E’ la decisa richiesta della consigliera regionale del Gruppo Misto, Carla Cuccu, che ha presentato – con i colleghi Roberto Caredda e Giovanni Antonio Satta – una interrogazione urgente all’assessore della Sanità, Mario Nieddu, all’indomani della diffusione delle nuove disposizioni emanate dalla direzione generale dell’Arnas sugli accessi dei parenti dei pazienti nelle strutture aziendali. “Di fatto – attacca Cuccu – i vertici Arnas richiudono gli ospedali, impedendo le visite anche ai parenti con green pass, con terza dose, con tampone molecolare negativo, in possesso, insomma, di tutti quei requisiti introdotti dalle disposizioni nazionali e adottati per ‘normalizzare’ la vita dei cittadini, destinati a convivere con un virus che, dicono gli esperti, sarà endemico. In questi anni e nelle diverse ‘ondate’ del Covid e delle sue varianti – prosegue la segretaria della commissione Sanità del Consiglio regionale -, si è cercato giustamente di preservare gli ospedali che, anche quando il quadro epidemiologico nell’Isola mostrava segnali di arretramento del virus, hanno mantenuto le restrizioni legate agli accessi dei parenti dei degenti, persino in nosocomi come l’ospedale Oncologico e pure per pazienti anziani o non autosufficienti, bisognosi di una presenza familiare e affettiva, sia come supporto psicologico che fisico. Ora, però, c’è addirittura una stretta ulteriore rispetto a quanto stabilito mesi fa, quando anche l’Arnas ha previsto che le visite ai pazienti ricoverati fossero consentite a un solo visitatore al giorno, per un massimo di 15 minuti e in possesso di Green pass o tampone molecolare”. Il provvedimento deve essere “ritirato immediatamente– ribadisce Cuccu che, insieme ai colleghi Caredda e Satta , ha scritto all’assessore Mario Nieddu, chiedendo, tra l’altro, “se non ritiene  incomprensibile che simili disposizioni siano assunte nel momento in cui, secondo gli esperti, si è raggiunto il plateau dei contagi e si attende, dai primi di febbraio, l’inizio della fase discendente dell’ondata pandemica. Si possono e si devono individuare percorsi che valgano per tutte le aziende del Servizio Sanitario regionale, che regolamentino le visite dei parenti (almeno uno per paziente) nella massima sicurezza per gli stessi familiari, per il personale dei nosocomi e per quello dei reparti, partendo dalla verifica dei requisiti previsti dalle disposizioni nazionali. Chiudere tutto e penalizzare, ancora una volta, i pazienti – conclude Cuccu – è molto semplice, ma non può essere la sola risposta delle Istituzioni di fronte al diritto delle persone fragili di avere vicino i propri cari nei momenti più difficili, spesso gli ultimi, della propria vita”.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: