Sardegna. Nuove regole per i bed and breakfast

Cagliari. Nuove direttive per i bed and breakfast con la classificazione in stelle e l’esposizione del segno distintivo. Ad approvarlenell’ultima seduta è la Giunta regionale con una delibera proposta dall’assessore del Turismo, Artigianato e Commercio Barbara Argiolas.
«La novità più importante introdotta con questa delibera», afferna Barbara Argiolas, «è l’obbligo di classifica per i b&b: in accordo con la normativa nazionale e secondo quanto previsto dalla legge sul turismo è prevista la classificazione da 1 a 3 stelle in relazione al possesso di requisiti e dotazioni minime che andranno autocertificati dai gestori. Il segno distintivo da apporre all’esterno della struttura riporterà il numero delle stelle e dovrà essere usato nella promozione e commercializzazione delle attività».
In Sardegna sono circa 2500 i b&b registrati con un’offerta di oltre 11 mila posti letto secondo i dati 2017 Sired. Con la legge 16 del 2017 si è introdotto lo Iun (Identificativo Unico Numerico) insieme al registro regionale dell’extra alberghiero così da aiutare ad avere un quadro più veritiero delle strutture attive sul territorio oltre che rafforzare la lotta all’abusivismo e l’emersione del sommerso. Con le modifiche del luglio scorso sono state tutelate la condivisione degli spazi e della vita familiare con l’ospite propria dei b&b così da permettere ai gestori di servire ai propri ospiti una prima colazione fatta in casa senza dover ricorrere ai preconfezionati industriali e senza ulteriori complicazioni.
Ora le direttive di attuazione approvate dalla Giunta disciplinano le caratteristiche, i requisiti, le modalità strutturali e di esercizio di questa categoria di strutture ai fini della loro apertura e gestione.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *