‘Sinnova for School’. Tutte le attività del nuovo anno del 10LAB

Domani la prima tappa di Sinnova for School a Cagliari: il 10Lab è l’innovazione sin dal principio; così si può raccontare la filosofia del science centre di Sardegna Ricerche, dedicato alla promozione della cultura scientifica. Arrivato al terzo anno di attività, il 10Lab ha ormai consolidato il suo ruolo alla base della filiera dell’innovazione e punta a rafforzarlo.

Obiettivo: “Educare e stimolare i più giovani a discutere su futuro e tecnologia, incoraggiandoli ad acquisire le competenze chiave necessarie per le professioni di domani – spiega la commissaria straordinaria di Sardegna Ricerche, Maria Assunta Serra – innovazione è pensiero critico e stimolare i più giovani in questo senso è alla base dell’educazione”.

Dopo la pausa estiva il centro, gestito dalla società Dotìk di Cagliari, presenta le attività in programma per il nuovo anno fatte di dimostrazioni scientifiche, laboratori Tinkering, attività su coding e tecnologie digitali, giochi di discussione e incontri con ricercatori e imprenditori; tutto per accendere la lampadina della conoscenza critica nelle giovani generazioni e per sviluppare e sostenere le competenze chiave legate all’innovazione, come creatività, problem solving, capacità di lavorare in gruppo e approccio critico nei confronti delle nuove tecnologie e del digitale.

Sinnova for School è un tour nelle scuole in cui gli studenti sardi incontreranno alcuni fra i professionisti più noti in Italia nel campo dell’innovazione e del digitale, e potranno discutere e ragionare sui possibili scenari futuri legati alla tecnologia.

Non mancheranno momenti creativi, con laboratori dove sfogare il proprio estro e spettacolari science show sull’intelligenza artificiale; si parte domani, martedì 15 ottobre con la prima tappa a Cagliari all’istituto tecnico Giua, il 17 a Sassari, il 22 a Nuoro, il 24 a Oristano e il 29 a Olbia.

In un’Europa in continua evoluzione – sottolinea l’assessore della Programmazione Giuseppe Fasolino – i centri della scienza rappresentano luoghi fondamentali per la crescita e l’educazione dei giovani; il 10LAB è un progetto che si allinea sempre più alla realtà dei migliori centri di divulgazione europei, ed è fondamentale per gettare le basi del futuro per le nuove generazioni, creare coscienze critiche e sviluppare le nuove competenze digitali, imprescindibili nelle professioni di domani. E farlo qui, nell’Isola, ha un valore enorme soprattutto nell’ottica della lotta allo spopolamento e all’abbandono scolastico”.

Valter Songini, responsabile della comunicazione e divulgazione scientifica di Sardegna Ricerche, sottolinea: “Vogliamo creare e proporre attività sempre all’avanguardia ed in linea con le best practice internazionali; per questo, crediamo sia di fondamentale importanza confrontarsi con altri science europei di successo, come avviene con le nostre partecipazioni alle grandi manifestazioni scientifiche d’Europa, dove portiamo alcune delle nostre attività”.

Nel programma di quest’anno, accanto alle attività tradizionali del 10Lab, sono diverse le novità: le visite scolastiche sono dedicate agli studenti di ogni ordine e grado. Accanto alle attività ingegneristiche di Tinkering e dimostrazioni scientifiche si aggiungono quest’anno nuovi laboratori su coding, cybersecurity e fake news; le visite al 10Lab restano il cuore del programma e rendono il Centro un punto di riferimento regionale soprattutto per gli insegnati, che apprezzano in particolare le attività di apprendimento informale.

Ma le visite non si svolgeranno solo nella sede di Pula. Inaugurati lo scorso anno con grande successo, riprendono i viaggi del 10Bus, il van della scienza del 10Lab che porta in giro per la Sardegna tutte le attività e offre l’opportunità di partecipare anche agli studenti dei territori più distanti.

Alberto Porcu Zanda

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: