“Storie di Manifattura”, ancora due weekend per l’edizione 2022

0 0
Read Time:2 Minute, 27 Second

Si avvia alla conclusione la terza edizione di “Storie di Manifattura 2022”, il progetto di ricerca e riscoperta della storia dell’ex Fabbrica di Tabacchi in viale Regina Margherita a Cagliari, centro nevralgico dell’economia dalla fine dell’Ottocento, a cura di Impatto Teatro con la collaborazione di Sardegna Ricerche.

Durante quest’ultima edizione si sono tenuti workshop, laboratori con i giovanissimi studenti del liceo Foiso Fois e la residenza artistica internazionale con i vincitori under 35 del contest MARTELIVE EUROPE. Quanto realizzato in questi tre anni complessivi di lavoro sono gli ingredienti che il regista Karim Galici, ha messo insieme e amalgamato per creare un racconto tra passato e contemporaneità, con l’obiettivo di restituire alla città tutta la modernità di uno spazio lavorativo dove le protagoniste erano le donne, le loro lotte sindacali e una grande solidarietà femminile, che hanno determinato una certa emancipazione sin dai primi decenni del ‘900.

Dopo la messa in scena di “Cosa rimane?”, apprezzato dal pubblico nelle edizioni 2020 e 2021, il 5 (ore 17 e ore 19), 6, 12 e 13 novembre (ore 19 e ore 21), si terranno gli eventi finali aperti al pubblico dal titolo “Cosa ne sarà? Da Manifattura Tabacchi a Fabbrica della creatività” che, trattandosi di un continuo work in progress, potrà vedere modificati serata dopo serata, alcuni elementi dello spettacolo. Prenotazione obbligatoria su comunicazioneimpatto@gmail.com. Ogni messa in scena è aperta a un massimo di 14 spettatori.

«Il pubblico sarà accompagnato in un percorso multidisciplinare che coniuga realtà e finzione, passato e presente per raccontare ciò che è stato e disegnare il futuro della Manifattura. In un dialogo costante tra le diverse discipline artistiche (fotografia, danza, teatro, installazioni scultoree, musica) abbiamo voluto segnare una continuità storica tra questi due secoli di avvenimenti. Durante la performance, immagini storiche di repertorio si mescolano a quelle realizzate durante tutta lavorazione, per restituire la vocazione di un luogo altamente identitario, ma ancora troppo poco conosciuto, la cui storia ci offre un raro spaccato di emancipazione femminile ante litteram» spiega Galici.

Il pubblico sarà parte integrante di questa particolare esibizione itinerante all’interno dei luoghi più rappresentativi della fabbrica. In compagnia dei protagonisti della messa in scena si visiteranno così alcuni degli ambienti, ricostruiti per l’occasione, che scandivano le esistenze delle operaie. Si parte dall’asilo dove le lavoratrici lasciavano i propri figli neonati, accuditi di volta in volta dalle colleghe che in quel momento non erano di turno.

Ai tornelli si incontreranno gli ultimi operai che hanno lasciato la fabbrica, testimoni anche dei rapporti che intercorrevano con i “capi controllori”. Nella parte più antica della Manifattura, tra i resti del convento sul quale la fabbrica è stata costruita e nei pressi delle vecchie mense, si racconterà di sfruttamento e lotte sindacali. Storie di Manifattura dunque, tra la cappella, il cinema, l’infermeria, ma anche i ricordi degli spezzonamenti sulla città del 1943 che non fermarono il lavoro e delle feste sacre e pagane celebrate all’interno dei saloni.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: