Tavares condannato a 15 anni. Sfregiò con l’acido Gessica Notaro

Bologna. La Corte di appello  ha condannato a 15 anni, 5 mesi e 20 giorni Edson Tavares, imputato per aver aggredito con l’acido e perseguitato l’ex fidanzata, la showgirl riminese Gessica Notaro. I giudici hanno letto la sentenza dopo quasi due ore di camera di consiglio. Il sostituto procuratore generale di Bologna, Gianluca Chiapponi, aveva chiesto 15 anni per il 30enne originario di Capo Verde. L’avvocato di parte civile Alberto Alessi, difensore della ex finalista di Miss Italia, aveva invece chiesto 18 anni, risultato della somma delle due condanne di primo grado senza il riconoscimento della continuazione. Per la difesa, invece, Tavares doveva essere assolto o in subordine ridotta la pena.

In mattinata i giudici avevano riunificato i due procedimenti: il primo riguardante l’aggressione con acido subita dalla stessa show girl riminese il 10 gennaio 2017 (10 anni la condanna in primo grado per il capoverdiano) ed il secondo per il reato di stalking (8 anni la pena inflitta dal tribunale di Rimini). La Corte di appello di Bologna ha anche confermato l’espulsione di Tavares a fine pena.

Tavares si era appostato sotto casa di Gessica, in via Bidente, intorno alle 23 e 40 di martedì 10 gennaio  2017, a Rimini e l’ha sfregiata con lacido, la giovane era stata ricoverata in gravi condizioni al Bufalini di Cesena. Gessica è riuscita a reagire con grande forza d’animo, diventando un simbolo della lotta contro la violenza sulle donne.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *