Un marchio per su Civraxu di Sanluri

Su Civraxu, l’ottimo  pane di Sanluri, grazie ad un accordo di filiera, ha un suo disciplinare di produzione e un suo marchio di qualità. Il progetto, è stato presentato oggi nel mercato di Campagna amica della Coldiretti a Cagliari, è il frutto di due anni di lavoro che ha visto impegnata l’amministrazione comunale del Medio Campidano, in collaborazione con l’agenzia Laore e il Comitato promotore per la valorizzazione del Civraxu, composto da agricoltori, panificatori e un nutrizionista. Sono stati redatti i disciplinari di produzione per tutti i derivati del grano duro di Sanluri, civraxu, pasta, fregula e semola, ma anche un marchio collettivo comunale di qualità che identifichi questi prodotti. Quelli che si fregeranno del marchio saranno garantiti dai controlli effettuati dal Comune (detentore del marchio). In ogni etichetta, è inserito il nome del produttore e del Comune di origine del grano, del molitore e del panificatore. Un esempio di etichetta trasparente che accompagna il prodotto dal campo alla tavola e che da gli strumenti al consumatore di poter acquistare consapevolmente.

“Un importante e reale progetto di filiera che valorizza un prodotto tradizionale e da un valore aggiunto ai produttori oggi strangolati da remunerazioni sotto i costi di produzione – sostiene il presidente di Coldiretti Cagliari Giogio Demurtas – Ma è un progetto che oltre a da respiro ai cerealicoltori da anche ai consumatori gli strumenti per poterlo riconoscere, altro cavallo di battaglia di Coldiretti: l’etichetta trasparenze.

Ancora una volta – continua – i nostri mercati di Campagna Amica rappresentano lo spazio sociale per i prodotti di qualità, per quelle biodiversità, che spesso stiamo perdendo, e che qui trovano casa”. L’assessore dell’agricoltura del Comune di Sanluri, Paolo Usai, esprime soddisfazione per “aver dato un contributo per valorizzare i nostri prodotti e unire i produttori”. Per Maria Ibba, direttrice generale di Laore, “l’agenzia ha affiancato questo progetto perché crediamo che in questo modo possa essere riconosciuto il giusto valore al prodotto”.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *