UniStem Day 2018, dal ruolo delle cellule staminali all’Europa unita dalle scienze

UniStem Day 2018. Domani, venerdì 16 marzo, dalle 9 alle 13, l’aula magna “Alberto Boscolo” – Cittadella universitaria, Monserrato – ospita la decima edizione della Giornata europea Unistem Day 2018. Curata dalle professoresse Micaela Morelli e Iole Tomassini Barbarossa, e dallo staff della Direzione ricerca, la manifestazione si svolge in simultanea nazionale ed europea. Nel break che va dalle 10.30 alle 11 sono attesi testimonial del mondo sportivo nazionale.

La Giornata si apre con i saluti del pro rettore, Micaela Morelli, prosegue con il collegamento audio-video con le altre Università coinvolte nell’evento. A seguire, interventi degli specialisti dell’ateneo di Cagliari, Valeria Sogos, Carlo Carcassi, Roberta Vanni, Patrizia Zavattari, Alessandra Pani e Maria Elena Marongiu. Tra gli argomenti trattati, Cellule staminali (dalla ricerca alle terapie), Manipolazioni genetiche, Scienza e innovazione, Realtà della ricerca. In aula magna le delegazioni dei licei “Alberti”, “Euclide”, “Tommaseo”, “Pacinotti”, “Convitto” e “Michelangelo” (Cagliari), “Gramsci” (Carbonia), “Brotzu” (Quartu), “Piga” (Villacidro), gli istituti “Buccari-Marconi” e “De Sanctis-Deledda” (Cagliari), “Levi” (Quartu), “Giua” (Assemini), “Loi”, “Minerario Asproni-Fermi” e “Tecnico Asproni” (Carbonia).

Le ultime scoperte nel campo delle cellule staminali, libertà di ricerca, : questi alcuni dei temi di UniStem Day 2018, il più grande appuntamento europeo rivolto agli studenti delle scuole superiori. Coordinano l’evento la professoressa della Statale e senatrice a vita, Elena Cattaneo, con il team di UniStem, il Centro di ricerca sulle Cellule staminali dell’Università di Milano.
UniStem Day 2018 si svolge in dieci Paesi europei (Italia, Austria, Francia, Germania, Polonia, Svezia, Spagna, Serbia, Inghilterra e Ungheria) e 74 atenei,. Seminari, discussioni, tavole rotonde e laboratori, dedicati a circa 27mila studenti, i protagonisti di una giornata dedicata alla scienza. Danimarca, Germania, Italia, Spagna, Serbia e Svezia proseguono il loro impegno nella divulgazione scientifica per i ragazzi con UniStem Day. L’Ungheria prende parte per il primo anno all’iniziativa. “Il diritto alla libertà di ricerca, le ultime scoperte nel campo delle cellule staminali, quale ruolo per la scienza in un mondo che cambia velocemente: questi saranno alcuni dei temi della Giornata. Sin dalla sua nascita nel 2009, l’evento vuole essere motivo di coinvolgimento, ispirazione e, perché no, divertimento” spiega il pro rettore, Micaela Morelli.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *