Università di Cagliari, 110 e lode dall’Ocse

Siamo colpiti dalle vostre strategie di comunicazione per attrarre i vari soggetti del territorio: gli studenti, certo, ma anche persone non necessariamente direttamente coinvolte nell’attività accademica degli Atenei”.

E’ palesemente lusinghiero il parere di Giulia Ajmone Marsan, economista e co-cordinatrice del Progetto HEInnovate Italy, promosso dalla Commissione europea e dall’OCSE, che punta a fornire agli istituti di istruzione superiore la possibilità di esplorare il proprio potenziale innovativo e imprenditoriale.

Nella giornata di ieri l’Università di Cagliari ha ospitato gli esperti della commissione dell’OCSE composta di esperti internazionali incaricato – all’interno del progetto – “di analizzare le università innovanti e imprenditoriali – ha spiegato Ajmone Marsan, che ha guidato la delegazione durante la visita – per capire come il sistema universitario italiano sta reagendo alle trasformazioni globali. Si trattava della prima visita effettuata alle Università italiane incluse nel progetto OCSE e Commissione europea Heinnovate: eravamo molto curiosi di capire come lavora il più grande Ateneo della Sardegna”.

Per tutta la giornata si sono susseguiti gli incontri e le interviste: al mattino a Palazzo Belgrano con gli organi di governo, il Rettore, il Direttore generale, i Prorettori, i dirigenti e numerosi funzionari. Al pomeriggio, la commissione si è spostata nei locali del CREA – Unica per incontrare gli studenti, le startup e gli stakeholder, gli attori del territorio che interagiscono con l’Università di Cagliari. Al termine della visita, gli esperti hanno espresso viva soddisfazione per quanto hanno potuto constatare.

Sono soltanto 10 gli atenei italiani ammessi alla verifica nell’ambito del progetto: “La candidatura ci sembrava un azzardo – commenta Maria Del Zompo, Rettore dell’Università di Cagliari – Si trattava di sottoporci al giudizio di una commissione che valuta l’interazione con il territorio ed in modo particolare con le imprese, la cosiddetta terza missione degli atenei italiani. E’ stata una bella giornata in cui abbiamo mostrato quello che abbiamo fatto in questi tre anni: sono contenta che sia stato apprezzato il lavoro fatto dagli studenti, dal personale, dai docenti, ricercatori e dottorandi, e che in particolare sia stato apprezzato il nostro rapporto con le imprese. Un ringraziamento particolare alla prof.ssa Di Guardo, motore e anima di questo lavoro in Ateneo”.

E’ stata un’occasione di confronto e di crescita – spiega Maria Chiara Di Guardo, Prorettore all’Innovazione e ai rapporti con il territorio – Siamo contenti che la Commissione OCSE sia rimasta colpita dal lavoro fatto. E’ un lavoro di squadra, che premia la nostra determinazione e il fatto che guardiamo tutti nella stessa direzione”.

Abbiamo visto il trailer della vostra webserie – ha concluso Giulia Ajmone Marsan – Siamo molto curiosi di vedere le prossime puntate”. Il riferimento è al progetto “The Shifters”, organizzato da UniCa per incentivare la diffusione delle conoscenze raggiunte dai ricercatori e promuovere così la terza missione

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: