Università di Cagliari e Tapei Medical University, firma per un un dottorato internazionale

E’ stato firmato nei giorni scorsi a Taipei (Taiwan) un accordo che dà vita ad un Dottorato internazionale tra il Dottorato in Scienze della vita, dell’ambiente e del farmaco dell’Università di Cagliari ed il Dottorato in Clinical Drug Development in Herbal Medicine del College of Pharmacy della Taipei Medical University (TMU).

La firma dell’importante intesa è stata apposta da Enzo Tramontano, coordinatore del Dottorato in Scienze della vita, dell’ambiente e del farmaco e presidente della Facoltà di Biologia e Farmacia dell’Università di Cagliari, e da Jing-Ping Liou, Preside del College of Pharmacy della Taipei Medical University, e e Ching-Chiung Wang, Direttrice del PhD program in Clinical Drug Development in Herbal Medicine.

Il Dottorato internazionale – operativo dal prossimo anno accademico – permetterà agli studenti dei due atenei di partecipare ad un programma didattico/scientifico congiunto e di conseguire quindi il titolo di Dottore di ricerca rilasciato da entrambi gli Atenei. A partire dell’Anno Accademico 2019-2020 sarà anche operativo un secondo accordo tra il Dottorato del College of Medicine della Taipei Medical University e il Dottorato in Scienze della vita, dell’ambiente e del farmaco dell’Università di Cagliari.

Il Dottorato in Scienze della vita, dell’ambiente e del farmaco è, in ordine di tempo, il terzo Dottorato internazionale dell’Università di Cagliari, il primo a stringere un accordo internazionale con una realtà emergente come quella asiatica. La Taipei Medical University, fondata nel 1960, è un Ateneo in forte crescita, che oggi si situa al 362mo posto al mondo secondo la graduatoria mondiale di TopUniversity, e al 147mo posto al mondo nella categoria Pharmacology secondo la graduatoria di Clarivate Analytics. I suoi campi di ricerca principali sono Translational cancer research,  Neuroscience and neurosurgery,  Biomedical devices and tissue engineering, Cell therapy and regenerative medicine, e Biomedical informatics.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *