Vivicittà, tutto pronto a Cagliari

0 0
Read Time:2 Minute, 33 Second

A Cagliari la 35/a edizione di Vivicittà, si svolgerà domenica e coinvolgerà sessanta città italiane e grandi capitali mondiali come Tokyo, Tripoli e Sarajevo. Un euro per ogni quota d’iscrizione sarà destinata ai bambini siriani che fuggono dalla guerra.

Vivicittà è una corsa che sfida il tempo. È partita nel 1983 e da allora non si è più fermata. La “corsa più grande del mondo” continua ad essere la grande protagonista dello sport per tutti, abbracciando in un’unica, originale formula, atleti professionisti e sportivi della domenica con la competitiva di 21,097 e 12 km oltre alla passeggiata ludico motoria in tante città italiane ed estere, partenza per tutti allo stesso orario, unica classifica in base ai tempi compensati. E ogni anno, un tema per cui battersi: la pace, i diritti umani, il rispetto ambientale, l’uguaglianza sociale, la solidarietà tra i popoli. Perché la libertà (di correre) non sia un privilegio di pochi.

Oggi la presentazione al Palazzo Civico di viale San Vincenzo. A fare gli onori di casa Yuri Marcialis: “È un modo di vivere la città in maniera diversa. Oltre che fare attività fisica all’aria aperta, rappresenta un’importante opportunità di socializzazione”. Il ché è “perfettamente in linea con l’idea dell’Amministrazione comunale di realizzare una città sempre più inclusiva”, che ben rappresenta anche lo slogan “Cagliari palestra a cielo aperto”.

 

 

 

 

Un unico percorso, per due eventi: la camminata ludico-motoria lungo un percorso di 4mila metri – in prossimità del Sardegna Arena e sul lungomare sant’Elia – che verrà ripercorso per tre volte per la gara competitiva di 12 chilometri.

“Vivicittà è la corsa di tutti. Di tutti quelli che hanno a cuore i diritti. Di tutti quelli che hanno a cuore l’ambiente. Di tutti coloro i quali sono contro la violenza sulla donne, contro l’omofobia”, ha rimarcato Petro Casu, presidente provinciale UISP, ricordando che anche per questa 35^ edizione 1 euro di ogni quota d’iscrizione sarà destinata ai bambini siriani che fuggono dalla guerra.

Ed ecco allora che sono in tutto 60 le città d’Italia coinvolte nella manifestazione di domenica, ma tante anche grandi capitali mondiali come Tokio, Tripoli e Sarajevo. “La partenza per tutti è alle 9,32 e sarà scandita dalla voce del GR1”, ha precisato il responsabile dell’organizzazione cagliaritana, Andra Culeddu. Sabato 21 aprile Vivicittà si trasferirà al carcere minorile di Quartucciu, uno dei 25 istituti interessati a livello nazionale.

Il percorso è “compensato”. Ciò significa che ogni tracciato di gara è stato omologato e che attraverso parametri uguali per tutti (per esempio dislivello e grado di difficoltà) potrà essere elaborata, alla fine, un’unica classifica. Un “unico vincitore”, simbolicamente un “unico obbiettivo”.

Per iscriversi c’è ancora tempo: online sino a tutta la giornata di oggi  (venerdì 13 aprile), attraverso il sito www.uisp.it/cagliari/vivicitta; sino a tutto domani (14 aprile) presso la sede territoriale UISP di viale 69 a Cagliari. Per la passeggiata ludico-motoria (4 chilometri) anche domenica (15 aprile) prima della partenza.

 

 

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: