XXIII Festival dei Tacchi, Ultima giornata dedicata al centenario di Margherita Hack e alle libertà declinate al femminile

0 0
Read Time:3 Minute, 20 Second

La XXIII edizione del Festival dei Tacchi, manifestazione organizzata dal Cada Die Teatro, sotto la direzione artistica di Giancarlo Biffi, si avvia alla conclusione e lo fa con una giornata interamente dedicata a racconti di libertà di alcune donne protagoniste dei cambiamenti della nostra Storia.

Alle 12 in piazza Mereu a Jerzu, la scrittrice e operatrice culturale Roberta Balestrucci Fancellu presenta il suo “Margherita Hack in bicicletta tra le stelle” (ed. Beccogiallo), intervistata dalla giornalista Paola Pilia. Scritto a quattro mani con Laura Vivacqua, il libro è un viaggio sorprendente attraverso la vita e le passioni di una donna straordinaria. Una parabola senza tempo che ci rammenta l’eredità lasciataci in dono dalla astrofisica toscana.

Alle 19, alla Cantina Antichi Poderi di Jerzu, torna al Festival Eliana Cantone (compagnia Il Mutamento Zona Castalia di Torino), sorprendente interprete del teatro italiano, che nella scorsa edizione ha rapito e affascinato il pubblico con una straordinaria vivacità comunicativa. Quest’anno sale sul palco con lo spettacolo “Alba dell’orrido di Elva”. La giovane Alba, nata a Elva, tra le montagne della Val Maira, attraversa da adolescente la prima guerra mondiale. Ormai donna lascia le montagne per realizzare il suo sogno di diventare maestra; come dote porta con sé il segreto della guerra partigiana, della quale è partecipante attiva. Alba sopravvivrà anche alla seconda guerra mondiale e per la prima volta, ormai cinquantenne, sarà chiamata a esprimere il suo voto nel primo suffragio universale italiano.

Alle 21.30, sempre in Cantina, va in scena “L’anima della terra vista dalle stelle”, il concerto-spettacolo dedicato al centenario di Margherita HackGinevra di Marco, accompagnata da Francesco Magnelli, porta sul palco un racconto in musica che ne attraversa la vita, personale e professionale, i pensieri, il lavoro e l’irrefrenabile voglia di raccontare la verità ad ogni costo. Della scienziata fiorentina si racconterà del suo desiderio innato di schierarsi e lottare, del suo essere libera da convenzioni e schemi predefiniti: una tra le massime esponenti mondiali della ricerca scientifica a cui il nostro Paese deve un enorme debito di riconoscenza.

****

Alle 11, alla Biblioteca comunale di Jerzu, tornano le “Storie meticce”in forma di studio di Alessandro Mascia, attore e regista del Cada Die Teatro.

Alle 17.30 in Cantina saliranno sul palco i Cuori di panna smontata, i giovani allievi della scuola di Teatro del Cada Die, con l’azione scenica “Bregù”. Sotto la direzione di Mauro Mou e Rossella Dassu, durante le giornate il Festival, hanno lavorato sul romanzo di Gesuino Nemus “L’eresia del cannonau”.

TEATRO DI COMUNITÀ, APPUNTAMENTO FUORI PROGRAMMA
Giovedì 11 agosto alle 19.30, nella piazzetta di via Manno a Jerzu, sarà la volta di un fuori programma con il Teatro di Comunità, l’intervento site specific con protagonisti in scena gli abitanti dei territori intorno ai Tacchi d’Ogliastra accompagnati dal musicista Andrea Andrillo. Il laboratorio tenuto dal Cada Die Teatro, iniziato il 12 luglio e condotto da Lara Farci, Mauro Mou, Francesca Pani e Pierpaolo Piludu, ha tratto ispirazione dal romanzo “Miele Amaro”, di Salvatore Cambosu, con un’incursione nella poetica di Francesco Masala e di Giuseppe Dessì. A chiusura dell’evento è prevista una cena di comunità.

IMMERSI NEL FESTIVALAnche per l’ultima giornata del Festival sono previste le attività a contatto con la natura di “Immersi nel Festival”. Dalle 9 alle 12 si potrà partecipare alla “Passeggiata alla ricerca di erbe officinali” curata da Valentina Allegria e l’Agenzia Forestas. Verranno illustrate le principali erbe rinvenibili sul territorio e i relativi utilizzi, con dimostrazione pratica della preparazione di infusi utilizzando le erbe raccolte durante la camminata (info 328.2943748). 

Dalle 9.30 alle 10.30 torna l’appuntamento con il corso di yoga

nel cortile della chiesa di Sant’Antioco a Ulassai (whatsapp 0032489895419).

Il Festival è sostenuto da Comune di Jerzu, Comune di Ulassai, Cantina Antichi Poderi, Fondazione di Sardegna, Regione Autonoma della Sardegna e Ministero della Cultura.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: