Capo Comino. Folla commossa ai funerali del piccolo Silvano

Siniscola. A Capo Comino, ieri pomeriggio, amici e parenti hanno salutato per l’ultima volta il piccolo Silvano in occasione dei funerali celebrati nella chiesa di N.S. Stella Maris, poco distante dal luogo della tragedia. Una folla silenziosa e commossa si è unita al dolore dei genitori e dei nonni del bimbo di 3 anni ucciso dal trattore condotto dal nonno materno nell’oliveto di Capo Comino. Amici e  semplici conoscenti della madre Bianca e del padre Tonino, hanno atteso i familiari del piccolo nella chiesa di Stella Maris per la messa celebrata da don  Ciriaco Vedele.

La morte di un figlio è una delle prove più dure, se non la più dura, che un genitore possano affrontare nella vita. Ma la domanda della mamma Bianca è giusta: “Ci meritiamo tutto questo?”. No nessun genitore merita un dolore simile.

Il Papa in una udienza generale in piazza San Pietro, dedicata, al lutto che colpisce le famiglie: “Per i genitori, sopravvivere ai propri figli è qualcosa di particolarmente straziante, che contraddice la natura elementare dei rapporti che danno senso alla famiglia stessa. La perdita di un figlio o di una figlia è come se fermasse il tempo: si apre una voragine che inghiotte il passato e anche il futuro. La morte, che si porta via il figlio piccolo o giovane, è uno schiaffo alle promesse, ai doni e sacrifici d`amore gioiosamente consegnati alla vita che abbiamo fatto nascere.” Citando il Vangelo dice ancora:  “I nostri cari, però, non sono scomparsi nel buio del nulla: la speranza ci assicura che essi sono nelle mani buone e forti di Dio. L`amore è più forte della morte. Per questo la strada è far crescere l`amore, renderlo più solido, e l`amore ci custodirà fino al giorno in cui ogni lacrima sarà asciugata, quando ‘non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno.”

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *