Carbonia. La capillare azione di controllo finalizzata alla vigilanza straordinaria per il contrasto del fenomeno del caporalato e dello sfruttamento della manodopera clandestina, predisposti dal comando provinciale di Cagliari nei terreni agricoli nei periodi di maggiore impiego di manodopera per la raccolta di prodotti, ha consentito ai carabinieri della Stazione di Giba, coadiuvati dal personale specializzato del Nucleo cc ispettorato del lavoro di Cagliari, d’individuare all’interno di un vigneto di proprietà di un’Azienda agricola, situata in località “Isca Manna” del comune di Piscinas, 9 braccianti tra italiani e stranieri regolari, intenti a raccogliere l’uva, di cui 2 , dopo gli opportuni accertamenti da parte dei militari, risultavano essere stati impiegati irregolarmente, essendo mancante la prevista comunicazione preventiva di assunzione.

Quindi il titolare dell’azienda è stato sanzionato per complessivi 6.000€ per il mancato versamento di contributi e premi previsti dalla normativa di specie.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *