Ecobonus. Il Banco di Sardegna finanzia imprese e privati

 Il Banco di Sardegna sostiene e finanzia le imprese e i privati che vogliano usufruire dell’Ecobonus 110%. Sono già 14.000 le visualizzazioni, in pochi giorni, nella sezione del sito del Banco dedicata, centinaia le richieste di contatti e di incontri.
    Le Filiali del Banco di Sardegna sono a disposizione per illustrare i nuovi prodotti di finanziamento per privati e imprese che intendano ristrutturare i propri immobili avvalendosi delle agevolazioni fiscali previste dal recente Decreto Rilancio, convertito in legge lo scorso 17 luglio.
    Il Superbonus aumenta infatti al 110% la detrazione fiscale per le spese sostenute dall’1 luglio 2020 al 31 dicembre 2021 per specifici interventi su immobili residenziali in ambito di efficienza energetica, interventi antisismici, installazione di impianti fotovoltaici o infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici.
    Il Banco di Sardegna, oltre a essere disponibile per l’acquisto del credito d’imposta (102 euro ogni 110 euro di credito d’imposta per privati, condomini e terzo settore e 100 euro per ogni 110 euro di credito d’imposta per le imprese), offre la possibilità di una copertura finanziaria a imprese e privati. In particolare, per le imprese interviene con un’apertura di credito per anticipo ordini/contratti/fatture e per i privati con un anticipo di liquidità per finanziare le spese sostenute.
    “Il Banco di Sardegna si è preparato con scrupolosità e tempestività – sottolinea il direttore generale Giuseppe Cuccurese – ed è pronto ad assistere adeguatamente i privati e le imprese sarde che desiderano cogliere la grande opportunità in materia di agevolazioni fiscali offerta dal recente Decreto Rilancio. Abbiamo messo a punto una gamma esaustiva di prodotti che completano quelli previsti dalle nuove norme e che consentiranno di soddisfare anche le esigenze finanziarie degli attori coinvolti, così come ci siamo attrezzati dal punto di vista consulenziale per individuare la soluzione giusta per ciascuno. Ci aspettiamo una forte adesione a questa iniziativa”. (ANSA).

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: