Egitto. Centinaia di morti nell’attacco a una moschea, spari anche nelle ambulanze

0 0
Read Time:1 Minute, 43 Second

Sfiora 200 il numero delle vittime in un attacco che oggi ha colpito la moschea al-Rawda a Bir al-Abed, un villaggio a est di Arish nella penisola del Sinai egiziana. Un bilancio che al momento, con aggiornamenti che arrivano di minuto in minuto, colloca a 184 i morti in uno degli attacchi più sanguinosi nella storia del Paese.

Sono i media statali a confermare le cifre, mentre l’agenzia ufficiale Mena aggiunge che 120 sono le persone che sono rimaste ferite in un attacco iniziato quando un commando ha piazzato degli ordigni, per poi iniziare a sparare raffiche all’impazzata sui fedeli, riunitisi allamoschea per la preghiera centrale del venerdì, la più importante della settimana per i musulmani.Secondo quanto riferito al quotidiano in lingua inglese Daily News Egypt dal responsabile dei soccorsi, Ahmad al-Ansari, i terroristi hanno aperto il fuoco anche sulle ambulanze arrivate sul luogo dell’attacco, ostacolando così il lavoro dei soccorritori che sono riusciti tuttavia a raggiungere la moschea. Mentre ancora manca una rivendicazione del sanguinoso attentato le autorità hanno già dichiarato tre giorni di lutto nazionale. Da anni nella penisola del Sinai è in corso un’operazione anti-terrorismo lanciata dalle forze governative, per respingere un’insurrezione di stampo islamico che dal 2013 in poi, dopo che i militari hanno rovesciato il governo eletto e guidato dai Fratelli musulmani, ha iniziato a colpito più duramente e di frequente.La regione vive da tempo in stato d’emergenza e le vittime tra civili, militari e uomini della polizia si contano a centinaia. Negli scorsi anni nel mirino – non solo nel Sinai – sono finiti tanto i musulmani quanto i cristiani copti. Decine i morti negli attacchi alle chiese della minoranza messi a segno la Domenica delle palme a Tanta e ad Alessandria.

Militanti affiliati all’Isis hanno uccisi a settembre almeno 18 poliziotti, attaccando un convoglio nella zona di Al-Arish, città sulla strada che porta al valico con la Striscia di Gaza, che avrebbe dovuto essere riaperto domani per tre giorni, nell’ambito di negoziati in corso al Cairo tra le diverse fazioni politiche palestinesi.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: