Nuova ondata di bombe francesi sull’Isis. Hollande: “Anche l’Europa dichiari guerra”

0 0
Read Time:2 Minute, 21 Second
La Francia ha lanciato nella notte una nuova ondata di raid sulla città siriana di Raqqa, considerata ‘capitale’ dell’Isis. Lo riportano i media internazionali online, citando fonti militari francesi sentite dall’agenzia Afp. Il presidente Francoise Hollande ieri ha ribadito che la Francia è “in guerra” e ha chiesto la “solidarietà” di tutti gli Stati Ue davanti all'”aggressione armata a uno stato membro”.
Prolungare lo stato di emergenza per tre mesi – Il capo dell’Eliseo ha chiesto di prolungare lo stato di emergenza per tre mesi, ha invocato modifiche della costituzione per combattere l’Isis, ha promesso 5.500 poliziotti in più. Chiedendo l’auto dell’Ue, ha rivendicando la clausola di solidarietà, ha avvertito che il terrorismo “non è un nemico della Francia ma dell’Europa”. “Ho chiesto al ministro della Difesa di incontrare da domani i suoi omologhi europei in base all’articolo 42.7 del trattato dell’Unione che prevede, di fronte all’aggressione di uno Stato, che tutti gli Stati membri diano solidarietà”.

Ministero Interno francese: 6 attentati simili sventati in estate – “Sei attentati di questo tipo sono stati sventati l’estate scorsa”. Lo riferisce il ministro dell’Interno francese, Bernard Cazeneuve, parlando a France Info degli attacchi del 13 novembre a Parigi. Il ministro ha assicurato che “la maggior parte” dei terroristi coinvolti negli attentati di venerdì “erano sconosciuti ai nostri servizi”.
Questa notte in Francia altre 128 perquisizioni – Altre 128 perquisizioni sono state condotte questa notte sul territorio francese nell’ambito delle ricerche di responsabili o complici degli attentati di venerdì sera a Parigi. Lo ha annunciato, ai microfoni di France Info, il ministro dell’Interno, Bernard Cazeneuve. Lo stesso ministro ha aggiunto che fra gendarmi, polizia e militari, 115.000 uomini supplementari sono stati schierati sul terreno.
Intanto in tutta l’Ue è caccia all’uomo – La giornata di ieri ha visto la polizia belga e quella francese scatenate in una caccia all’uomo, e in particolare a quel Salah Abdeslam che avrebbe guidato fino a Parigi la Seat nera con a bordo i commando sanguinari. Nel mirino è entrato, ancora una volta, il Molenbeek, il quartiere di Bruxelles ad alta densità musulmana. “L’operazione è terminata e il risultato è negativo. Nessuno è stato arrestato”, ha riferito la procura, che ha incriminato per attività terroristica due sospettati, che dovranno rispondere di “atto di terrorismo e partecipazione alle attività di un gruppo terrorista”. Altri 5 sospetti, fermati nel fine settimana, sono invece stati rilasciati senza incriminazioni, e tra essi uno dei fratelli di Salah Abdeslam.
Gb, Osborne: Isis pensa anche a cyberattacchi – L’Isis sta cercando di acquisire il know-how per sferrare cyberattacchi nel Regno Unito: è quanto si legge in un discorso che il cancelliere dello Scacchiere, George Osborne, pronuncerà oggi al Quartier generale del governo per le comunicazioni (Gchq) – a Cheltenham – secondo un’anticipazione della Bbc online.
fonte: http://notizie.tiscali.it/articoli/esteri/15/11/17/attentato-francia.html
print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: