Quindicenne travolto dal treno a Serramanna

Era appena tornato in paese, a Serramanna (Cagliari), dopo aver trascorso una giornata al mare con gli amici, Gabriele Cipolla, il 15enne – giovane promessa del calcio – travolto e ucciso da un treno ieri sera alla stazione ferroviaria di Serramanna.
Il ragazzo insieme a un gruppetto di coetanei appena scesi dal treno proveniente da Cagliari, hanno scelto di attraversare i binari. Gabriele era l’ultimo della fila e non si è accorto dell’arrivo del direttissimo per Cagliari, che lo ha travolto.
Gli agenti della Polfer hanno lavorato tutta la notte per ricostruire la dinamica della tragedia e raccogliere le varie testimonianze. Le prime proprio quelle degli amici del ragazzino che hanno assistito a pochi metri di distanza all’incidente.
Sotto choc il macchinista che non è riuscito a frenare. Il treno si è fermato a circa 200 metri dal luogo dell’impatto.
L’autorità giudiziaria ha disposto il sequestro del mezzo. Il sindaco di Serramanna, Sergio Murgia, ha annunciato il lutto cittadino.
Gabriele Cipolla frequentava il liceo Alberti di Cagliari ed era capitano della squadra di calcio ‘Gialeto’. “Non dimenticheremo mai questa giornata di fine giugno. La nostra stella più bella, ci ha lasciati in questo mondo, ma la rotta che ha tracciato nella sua breve vita terrena, ha segnato il cammino della società – scrive la società nella pagina Facebook – Oh no, lui non era un campione perché segnava tanti goal, lui non era il capitano perché lo imponeva. No, lui era scelto dai compagni, perché leader carismatico, perché sapeva farsi ascoltare, sapeva farsi voler bene, e dava carica e energia positiva a chi gli stava vicino. Da oggi e per sempre, siamo certi, la Gialeto avrà una stella luminosa nel cielo, che veglierà su di lei. Sarai sempre nei nostri cuori Gabriele, non ti dimenticheremo mai”. (Ansa.it)

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *