Una piazza intitolata all’artista Maria Lai a Castello

La città di Cagliari, omaggia Maria Lai nel centenario della sua nascita: martedì 5 febbraio, alle ore 11.30, si svolgerà a Castello, la cerimonia di intitolazione della piazzetta alla grande artista contemporanea di Ulassai.

La città di Cagliari, accogliendo la proposta degli scolari e degli studenti dell’Istituto Comprensivo Santa Caterina – esito di un interessante progetto scolastico dedicato alla toponomastica femminile – rende omaggio all’artista più rappresentativa della contemporaneità sarda, con l’intitolazione di uno spazio storico nel quartiere di Castello, tra la via del Fossario e la via del Duomo, sito che offre uno dei panorami più suggestivi della città.

Cagliari, conserva nel cuore il segno del passaggio di Maria Lai, che visse in città assieme alla sorella Giuliana negli anni ’30, quando studiava all’Istituto Magistrale dove ebbe come docente Salvatore Cambosu, e poi ancora nella seconda metà degli anni ’40, insegnando al Tecnico femminile quando conobbe lo scrittore Giuseppe Dessì, cui fu legata da profonda amicizia.

Proprio a Cagliari, Maria Lai iniziò poi ad esporre negli anni ’50, prima di intraprendere la lunghissima carriera espositiva in giro per il mondo che la portò da ultimo anche a Miami alla Fiera internazionale d’arte contemporanea, un anno prima della sua scomparsa avvenuta a Cardedu il 16 aprile del 2013; nel 2004, l’Università di Cagliari le conferisce la laurea honoris causa in lettere “per il tratto fortemente concettuale e narrativo della sua opera”.

Il ruolo di Maria Lai nell’arte contemporanea, è oggi ampiamente riconosciuto, come al contempo è indiscussa la sua cifra anticonformista che le consentì di iniziare il proprio percorso in un’epoca avversa al talento delle donne; ecco perchè Maria Lai è sentita oggi come maestra di vita e modello femminile di valore e di differenza al quale le nuove generazioni possono attingere per la costruzione della propria identità.

Per questa ragione è significativo che i bambini della scuola di Castello, raccogliendo la testimonianza di vita della grande artista, abbiano con il loro interesse ed approfondimento, contribuito a promuovere e facilitare l’intitolazione della piazzetta.

Alberto Porcu Zanda

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *