Bologna. Dormivano mentre erano di guardia: infermieri e Oss licenziati

Bologna. Due infermieri e un operatore socio sanitario dell’Ausl di Bologna – due uomini e una donna – dopo un’inchiesta interna di cinque mesi volta a verificare un’accusa pesante: dormivano di notte mentre erano di guardia in un reparto di Medicina dell’Ospedale Maggiore di Bologna. Dal 1 giugno 2019 non lavorano più all’ospedale Maggiore. Licenziati. Il procedimento disciplinare è stato aperto  grazie a una segnalazione di alcuni dipendenti.

I fatti che hanno portato al licenziamento

La notte fra il 14 e il 15 gennaio, un anziano paziente suona il campanello, nel reparto di medicina dell’ospedale Maggiore. Ha bisogno di andare in bagno ma non arriva nessuno. Passano i minuti e decide di telefonare al centralino dell’ospedale. L’operatore che alza la cornetta dirotta la telefonata al pronto soccorso: Qui non c’è nessuno, si sentono dire i colleghi del reparto d’emergenza. Preoccupati, si chiedono cosa fosse successo in reparto e decidono di andare a controllare.

«Ho avuto paura che si fossero sentiti male tutti e tre», dichiara a verbale uno dei dipendenti intervenuti. Invece la scoperta è stata ben diversa: in una stanza adibita a magazzino per il personale, due infermieri e un oss dormivano durante il turno di guardia. Anche altri pazienti, avevano chiesto assistenza. Invano.

L’inchiesta interna è partita subito. Vengono sentiti medici, infermieri, pazienti. I racconti coincidono tutti, quella notte era difficile chiedere assistenza in reparto. I diretti interessati – che hanno fra i 30 e i 40 anni – vengono sentiti e si difendono. Dicono che non stavano dormendo, in quella stanza, ma seguivano le notizie al cellulare. Si stavano, insomma, riposando. Questa giustificazione non ha alleggerito la loro posizione.

 

 

 

 

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: