Ales: Incontro con Jovan Divjak ed Eric Gobett

L’Associazione Casa Natale Antonio Gramsci di Ales con il patrocinio della regione Sardegna Asessorato dei Beni Culturali e del Comune di Ales e in collaborazione con la biblioteca Gramsciana organizza ad Ales Sabato 21 Settembre un doppio incontro che ha come oggetto Sarajevo. Sarajevo come luogo fondamentale per la storia del novecento Mondiale è lì infatti che nel 1914 la città fu lo scenario dell’evento che scatenò la prima guerra mondiale, l’assassinio, il 28 giugno di quell’anno, dell’arciduca d’Austria Francesco Ferdinando e di sua moglie. E ancora Sarajevo sarà una delle città simbolo della sanguinosa guerra dei Balcani. La mattina alle 10,30 si svolgerà la proiezione di Sarajevo rewind con la presenza del regista lo storico Eric Gobetti e del generale Jovan Divjak per le scuole. La sera alle 18,00 presso sala convegni del comune di Ales alla presenza del Generale Jovan Diviak accompagnato da Eric Gobetti che parlerà della Guerra dei Balcani.

Jovan Divjak (Belgrado, 11 marzo 1937) è un generale e scrittore jugoslavo, dal 1992 bosniaco. Durante l’Assedio di Sarajevo e durante tutto il corso delle Guerre jugoslave, nonostante le sue origini serbe, si è apertamente schierato con bosniaci, croati e numerosi altri serbi a difesa di Sarajevo e della Bosnia-Erzegovina dalle truppe di aggressione serbe desiderose di impedire la creazione di uno stato bosniaco multietnico ed indipendente. È ricordato per aver raccolto le sue memorie della guerra in un libro chiamato Sarajevo Mon amour, pubblicato in diverse lingue all’estero oltreché all’impegno sociale che ha assunto fondando la associazione denominata Obrazovanje gradi Bih (“L’istruzione costruisce la Bosnia”). Il 3 marzo 2011, su mandato del governo serbo, è stato fermato dalla polizia austriaca a Vienna mentre si stava recando in Italia per partecipare a un incontro indetto dall’Associazione nazionale ex deportati politici nei campi nazisti e dall’Associazione Percorsi di Pace. È stato rilasciato l’8 marzo 2011 dopo il pagamento della cauzione, fissata a 500.000 €. Il susseguente processo tenutosi nella capitale austriaca accertò la totale infondatezza delle accuse mosse dalle autorità serbe verso Divjak (segnatamente accuse di crimini di guerra) il quale non venne pertanto estradato verso il paese balcanico.
Nasce a Belgrado da genitori serbi di lontane origini bosniache. Il padre fu trasferito in Serbia dall’Esercito Jugoslavo. Attualmente Divjak vive a Sarajevo, città nella quale si è trasferito nel 1966. Dal 1956 al 1959 frequentò l’Accademia Militare a Belgrado, per passare poi un anno tra il 1964 e 1965 a Parigi per frequentare l’École supérieure des officiers de réserve spécialistes d’état-major, dal 1969 al 1971 figura tra i Cadetti della Voena akademija di Belgrado. Infine tra il 1979 e il 1981, la scuola di pianificazione della difesa e guerra a Belgrado. Dopo diversi incarichi nella JNA, Divjak divenne Capo della Difesa Territoriale (Teritorijalna Obrana), guidando il relativo dipartimento di stanza a Mostar, durante il periodo 1984-1989. Medesima funzione ricopre dal 1989 al 1991 per il settore di stanza a Sarajevo. Nel periodo 1991-1992, Jovan Divjak venne giudicato dalla Corte Marziale per aver inviato 120 pezzi di armi leggere e 20.000 pallottole alla Difesa Territoriale di Kiseljak. Gli vennero inflitti 9 mesi di carcere, evitati lasciando la JNA. Il giorno 8 aprile 1992, Divjak divenne Vice Comandante della Difesa Territoriale della Bosnia ed Erzegovina. Un mese più tardi, supervisionò la difesa di Sarajevo da un attacco di maggiori dimensioni da parte della JNA. Divenne noto in Italia grazie a un’intervista sul magazine del Corriere della Sera. Tra 1993-1997 fu comandante del Quartier generale dell’esercito della BiH, incaricato di cooperare con istituzioni civili e organizzazioni in ruoli quali amministrazione, economia, salute, istruzione.
È diventato direttore esecutivo della associazione OGBH, Obrazovanje Gradi BiH (“L’istruzione costruisce la Bosnia”), fondata da lui stesso nel 1994. L’attività principale e gli obiettivi della associazione sono quelli immediatamente connessi all’aiuto degli orfani di guerra, dando loro denaro, oltre ad aiuto materiale e favorire l’aumento dell’istruzione in Bosnia ed Erzegovina, anche zone e alla popolazione più povere del Paese come le campagne, dando loro supporto finanziario e materiale. Prima del 1998, Divjak era membro attivo di altre associazioni culturali sportive o Facoltà di Educazione Fisica a Sarajevo. Dal 1998 è membro dell’Associazione Indipendente degli Intellettuali Krug 99. Dal 2004 è membro del comitato per l’ingresso delle ONG straniere in Bosnia ed Erzegovina con sede a Sarajevo; è membro di molte ONG bosniache nelle quali è molto attivo. Cerca di aiutare il Paese il più possibile sperando che il futuro della Bosnia ed Erzegovina divenga più chiaro rispetto ad un non così lontano passato. Nel 2006 è nominato Ambasciatore Universale di Pace dal Consiglio degli Ambasciatori di Pace Universali a Ginevra e premiato relativamente a tale nomina. Il 2 marzo 2011, su richiesta del governo serbo viene arrestato all’Aeroporto di Vienna mentre si sta recando in Italia per un convegno. L’8 marzo 2011 viene scarcerato dietro pagamento di una cauzione, ma resta de facto obbligato a rimanere a Vienna fino alla tenuta del processo .[3]. Il 29 luglio 2011 le autorità giudiziarie austriache accertano la totale infondatezza delle accuse mosse avverso Jovan Divjak dall’élite politica serba (segnatamente accuse di crimini di guerra) e rifiutano la sua estradizione verso il paese balcanico, consentendo così a Jovan Divjak di tornare a Sarajevo. Nel 2012 interpreta il ruolo di Jovan nel film Venuto al mondo di Sergio Castellitto.

Eric Gobetti (Torino 1973) è uno storico, autore di libri e documentari sulla storia della Jugoslavia e della sua occupazione da parte dell’Italia. Da anni tiene lezioni e conferenze sulla storia jugoslava, da Gavrilo Princip ai giorni nostri. Ha pubblicato diversi libri tra i quali: Dittatore per caso. Un piccolo duce protetto dall’Italia fascista (L’ancora del Mediterraneo 2001), sul movimento croato Ustascia negli anni Trenta; L’occupazione allegra. Italiani in Jugoslavia 1941-1943 (Carocci 2007); Alleati del nemico. L’occupazione italiana in Jugoslavia (Laterza 2013). Per Miraggi ha pubblicato nel 2016 il volume Sarajevo rewind : cent’anni d’Europa e nel 2018 per i tipi di Salerno La Resistenza dimenticata: partigiani Italiani in Montenegro (1943-1945). Nel frattempo esplora i Balcani e organizza viaggi di turismo storico nei paesi della ex Jugoslavia. Molte delle sue avventure le ha raccontate nel diario-reportage Nema problema! Jugoslavie, 10 anni di viaggi (Miraggi 2011). Ha realizzato per RaiStoria la trasmissione in tre puntate La Divisione Garibaldi e come regista il documentario Partizani. La Resistenza italiana in Montenegro e insieme a Simone Malvolti Sarajevo rewind 2014>1914.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: