Assemblea sindacale unitaria dei pensionati. A Roma per urlare “Dateci retta”

In attesa della manifestazione nazionale intitolata “Dateci retta”, i pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil  della Sardegna si sono incontrati oggi al T-hotel di Cagliari in un’assemblea regionale unitaria.

L’evento, oltre a presentare i dettagli dell’evento,  in programma il 1 giugno in piazza San Giovanni a Roma con oltre cinquecento delegati dall’Isola, si è caratterizzato per il clima di insoddisfazione verso le politiche del governo nazionale che non ha ascoltato sino ad ora le richieste dei sindacati in tema di pensioni, welfare, sanità e assistenza. 

Al centro degli interventi, il taglio della rivalutazione delle pensioni, alla quale si aggiungerà un corposo conguaglio che i pensionati dovranno restituire nei prossimi mesi. Un disagio palesato dalle esigenze delle famiglie e dei figli troppo spesso disoccupati.

Spi, Fnp e Uilp regionali hanno inoltre richiamato l’attenzione sul numero dei pensionati sardi con più di 65 anni, ben 382 mila, che hanno necessità di un’assistenza sanitaria finalizzata e di una nuova legge nazionale sulla non autosufficienza. Fra le rivendicazioni, nuovi servizi per un l’invecchiamento attivo, una normativa fiscale secondo il principio della progressività, più attenzione verso le attività svolte dall’Inps che, a causa delle carenze di personale, risponde alle domande e ai bisogni degli utenti sempre più in ritardo.

All’assemblea, oltre ai segretari regionali Marco Grecu (Spi Cgil), Alberto Farina (Fnp Cisl) e Rinaldo Mereu (Uilp Uil), ha partecipato la segretaria nazionale Spi Cgil Daniela Cappelli,

Il prossimo appuntamento è fissato al 1 giugno, quando i pensionati sardi partiranno a Roma per la manifestazione nazionale che si inserisce nel più ampio quadro delle mobilitazioni unitarie organizzate per cambiare le politiche del governo Lega – 5 Stelle: qualche giorno fa si è svolta a Roma la manifestazione dei sindacati dell’agroalimentare per la legalità e contro il caporalato, l’8 giugno scenderanno in piazza i lavoratori pubblici (sempre a Roma in piazza del Popolo) il 14 giugno Fiom, Fim e Uilm (con manifestazioni a Milano, Firenze e Napoli), il 22 giugno sarà la volta della manifestazione Cgil, Cisl e Uil a Reggio Calabria per il rilancio delle regioni del Sud.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *