D'Alema per il NO al referendum. Boschi: 'Pronta a fargli cambiare idea

0 0
Read Time:1 Minute, 11 Second

“Il referendum deve essere fissato a norma di legge entro il 13 ottobre, e a quel punto dal giorno in cui verrà fissato, decorrono tra i 50 e 70 giorni di tempo”. Lo afferma il premier Matteo Renzi nella conferenza stampa al termine del G20 rispondendo ad una domanda sulla data del referendum che ieri il ministro Maria Elena Boschi ha collocato tra la fine di novembre e inizio dicembre. “Nei prossimi giorni, ascoltando i soggetti interessati il Cdm fisserà la data, ragionevolmente nei tempi già previsti”, spiega. 

D’Alema, referendum pastrocchio che spacca il Paese – Massimo D’Alema lancia dal cinema Farnese a Roma i comitati per il “No” “per demistificare la paccottiglia ideologica” della riforma costituzionale ed elettorale del governo. Indicando Guido Calvi come presidente dei comitati del centrosinistra per il “No”, l’ex ministro definisce la riforma “un pastrocchio che spacca in due il Paese”. “Il Paese è vittima di un dibattito fasullo, non fondato su dati di fatto”, osserva.

“Trovo sgradevole che il governo non decida la data del referendum, perché dà la sensazione di una furbizia”. Lo sostiene Massimo D’Alema aprendo la campagna per il “No”. La realtà, aggiunge D’Alema, “è che era tutto pensato per un plebiscito personale in un’escalation referendum ed elezioni, ma la situazione è cambiata e non si ha più chiaro in mente che cosa si vuol fare”.

1310718063734dalema_libriretel43-alema-121017215536_mediumLa ministra Boschi però è pronta a tutto per fargli cambiare idea.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: