Il tradizionale concerto di fine anno del Teatro Lirico di Cagliari

Dopo il grande successo di ascolti e il pieno gradimento del pubblico delle cinque serate dedicate a La Traviata di Giuseppe Verdi, ai tre concerti sinfonici e al Concerto di Natale, è la volta dell’ultimo appuntamento di quest’anno per l’affezionata platea virtuale del Teatro Lirico di Cagliari.

Si tratta di un concerto sinfonico-corale che propone all’ascolto del pubblico celebri brani sinfonici, famose pagine corali, popolarissimi valzer e ouverture e che viene trasmesso in differita dal Teatro Lirico di Cagliari, giovedì 31 dicembre alle 21, sull’emittente televisiva Videolina (Canale 10 del Digitale Terrestre – su satellite al Canale 819 di Sky e TivùSat) e in streaming su www.videolina.it, www.unionesarda.it.

Il programma musicale prevede, nel dettaglio, l’esecuzione di: Leichte Kavallerie: Ouverture di Franz von Suppé; Capriccio spagnolo op. 34 di Nikolaj Rimskij-Korsakov; Il Principe Igor: Danze polovesiane di Aleksandr Borodin; An der schönen blauen Donau op. 314, Die Fledermaus: Ouverture, Der Zigeunerbaron: Einzugsmarsch di Johann Strauss figlio.

Franz von Suppé (Spalato, 1819 – Vienna, 1895), prolifico compositore di origine dalmata, si è cimentato in diversi generi musicali (opera lirica, musica sacra, lieder), ma è con l’operetta che raggiunge fama e successo, in particolare con le ouverture che, fin da subito, vengono eseguite da sole in concerto. Fra tutte quella della Leichte Kavallerie (Cavalleria leggera) del 1866 diventa celeberrima grazie allo spumeggiante galop finale che si ritrova spesso anche in film e cartoni animati.

Il Capriccio spagnolo viene composto da Nikolaj Rimskij-Korsakov (Tichvin, 1844 – Ljubensk, 1908) nel 1887 ed è considerato un vero capolavoro dell’arte dell’orchestrazione, per la particolare attenzione verso colori, effetti timbrici e ritmi propri della tradizione musicale spagnola, ottenuti soprattutto grazie ad un uso inconsueto ed apprezzato delle percussioni.

Aleksandr Borodin (San Pietroburgo, 1833-1887) inizia a scrivere Il Principe Igor nel 1869, ma l’opera lirica resta incompiuta a causa dell’avvenuto decesso del compositore. Nel secondo atto è inserita una serie di danze che vengono eseguite, dai complessi orchestrale e corale, per intrattenere il Principe Igor e suo figlio durante la prigionia appunto presso la popolazione dei Polovesi. Anche in questo caso, il brillìo della timbrica e la vorticosa musicalità, questa volta dei ritmi tradizionali russi, conducono ad un trascinante e sfavillante finale.

Il Concerto di fine anno si chiude con tre delle più celebri pagine composte da Johann Strauss figlio (Vienna, 1825-1899): Sul bel Danubio blu, il valzer più famoso di tutti i tempi scritto nel 1866; l’Ouverture celeberrima dell’altrettanto celebre operetta Il pipistrello (1874, Theater an der Wien di Vienna) e la Marcia d’ingresso dall’operetta Lo zingaro barone che vide la luce nel 1885 sempre al Theater an der Wien di Vienna.

La serata segna, anche se sempre ‘a porte chiuse’, il proseguo dell’attività musicale del Teatro Lirico di Cagliari: infatti in ottemperanza al Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri (4/12/2020), emanato al fine di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, tutti gli spettacoli aperti al pubblico, in programma fino al 15 gennaio 2021, sono sospesi. Ciò non impedisce, come in questo caso, che gli spettacoli si tengano ugualmente e il pubblico possa partecipare, comodamente da casa propria, attraverso la televisione o il web. In sala, quale unico e simbolico spettatore, come ormai apprezzata consuetudine, sarà presente il sovrintendente Nicola Colabianchi.

L’esecuzione del concerto che si attiene alle ormai note norme di sicurezza dettate dall’emergenza sanitaria da COVID-19, prevede il debutto sul podio del Teatro Lirico di Cagliari di Frédéric Chaslin, apprezzato direttore, compositore e pianista francese (Parigi, 1963), che ha lavorato nei principali teatri mondiali e che dirige l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico. Il maestro del coro è Giovanni Andreoli.

Lo spettacolo ha una durata complessiva di 60 minuti circa e prevede il commento dallo studio di Teresa Piredda e la regia televisiva di Angelo Palla.

Le due repliche dello spettacolo sono previste, sempre sull’emittente Videolina, per venerdì 1 gennaio 2021 alle ore 18:00 e per mercoledì 6 gennaio 2021 alle ore 9:00. Inoltre la registrazione della differita è disponibile on demand sul sito www.videolina.it.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin.

APZ

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: