Sottosegretario all’Interno Gaetti: “Politiche di valorizzazione dei beni confiscati”

0 0
Read Time:1 Minute, 34 Second

«Siamo in prima linea per rilanciare il riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia e alla criminalità organizzata: è un valore culturale, etico ed educativo che abbiamo il dovere di compiere con forza. Infatti, la re-immissione nel circuito dell’economia legale degli immobili e delle aziende confiscate alla criminalità organizzata costituisce un segnale positivo per la comunità, di vittoria dello Stato e della legalità». E’ quanto dichiarato dal sottosegretario all’Interno Luigi Gaetti a Grosseto, nell’incontro sul tema insieme al direttore dell’agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (ANSBC), Ennio Mario Sodano.

«È importante stimolare e valorizzare, attraverso la destinazione dei beni confiscati, la fattiva e quotidiana collaborazione dei cittadini nella gestione cooperativa dei beni stessi», ha detto ancora Gaetti.

Il sottosegretario ha anche specificato i numeri del tema: «Si tratta di un patrimonio di oltre 30.000 immobili e quasi 4.000 aziende quello finora gestito – e attualmente in gestione – dall’ANBSC. Gli immobili già destinati sono circa 14.850, mentre quelli in gestione 17.498; 3.025 sono le aziende in gestione e 939 quelle destinate. Nel 2018 sono stati destinati 1.251 immobili e 55 aziende. Oltre il 90% dei beni destinati si trova nel Mezzogiorno».

«È fondamentale avviare politiche di valorizzazione dei beni immobili confiscati e favorirne il reinserimento nel circuito economico sociale. Si rende necessaria una decisa azione di coordinamento delle attività delle amministrazioni statali, degli enti locali e di tutti i soggetti che, a vario titolo, intervengono nella gestione dei beni confiscati, nonché la cooperazione tra tali attori istituzionali responsabili delle singole fasi del procedimento. A tale scopo – ha concluso Gaetti – è fondamentale realizzare un incremento della destinazione dei beni in tempi brevi rispetto al provvedimento di confisca e, successivamente, monitorarne l’effettivo utilizzo. La valorizzazione a scopi istituzionali o sociali avviene con il coinvolgimento attivo del terzo settore».

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: