Cagliari. Riaperto il Mercato Civico di Santa Chiara, soltanto prodotti sardi nel nuovo punto di ristoro

Cagliari. Chi è abituato a fare la spesa e apprezza i consigli degli abili negozianti che della frutta e della verdura, del pesce e dei frutti di mare, della carne e dei salumi, del vino e dei formaggi che vendono sanno tutto, attendeva questa notizia: riaperto oggi, venerdì 14 dicembre 2018, lo storico Mercato Civico di Santa Maria Chiara, più bello e accogliente di prima.
Conclusi gli interventi nell’area centrale della struttura, dopo appena due mesi di lavori di restyling, l’attività riprende quindi regolarmente. E grazie alla realizzazione di un nuovo punto di ristoro – un’elegante isola grande una quarantina di metri in tutto – diventa “uno spazio-mercato dinamico e contemporaneo nel cuore del Centro storico di Cagliari”.

Né è convinto il sindaco Massimo Zedda. E citando l’esempio di alcune delle più importanti città europee, lo ha definito come “un luogo dove agroalimentare e gastronomia diventano occasione di incontro, scambio e convivio”. Ma anche “occasione di sviluppo e conoscenza della città”, in cui anche i turisti allontanandosi dalle attrazioni più famose, possono entrare in contatto con curiosi spaccati della vita quotidiana di Cagliari, la sua cultura e le sue usanze.
A interessarsi del Mercato è stata in particolare l’assessora Marzia Cilloccu. “Questi lavori – ha spiegato la titolare delle Attività produttive e Turismo – non hanno inciso in alcun modo sulle casse comunali”. Con un bando pubblico, infatti, “il Comune ha affidato la gestione del nuovo punto di ristoro per 10 anni in cambio della sua stessa realizzazione. Il concessionario dovrà anche preservare la vocazione turistica della struttura attraverso l’utilizzo esclusivo di prodotti sardi”.
“Il prossimo passo sarà quello di riqualificare l’area esterna”, ha annunciato il sindaco Zedda tra decine di cittadine e cittadini intervenuti alla cerimonia del taglio del nastro. Considerata la valenza storica, sono già stati interessati gli altri enti competenti.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *