Cgil, Cisl, Uil: “L’Ats risponda sui ritardi degli accordi sottoscritti”

Dieci giorni. E’ questo il termine concesso dai sindacati all’Ats per rispondere dei gravi ritardi sull’applicazione degli accordi i sottoscritti nei mesi precedenti.

In particolare, Cgil, Cisl e Uil chiedono lumi su: mancato avvio della mobilità interna; mancato incremento indennità notturna come da accordi sottoscritti;. mancata sistemazione dei crediti orari nei cartellini del personale; mancata applicazione della delibera sulle progressioni economiche orizzontali;; mancata attivazione del tavolo tecnico-politico sugli incarichi funzionali di organizzazione e professionali; mancata attivazione del pagamento delle festività infrasettimali;. mancato rispetto del pagamento dell’indennità di turno; mancato rispetto dell’accordo di liquidazione produttività 2017.

Malumori e lamentele del comparto sanitario che potrebbe condurre ad uno stato di agitazione di tutto il personale qualora l’azienda sanitaria assumesse un atteggiamento elusivo.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *