Consorzi di Bonifica sardi a rischio chiusura

0 0
Read Time:1 Minute, 1 Second

Bollette triplicate dopo la grande siccità della stagione estiva che ha comportato un aumento della domanda di acqua. Il sistema irriguo sardo ha tenuto, ma ora serve un intervento urgente da parte della Regione Sardegna, per far fronte al caro-energia che sta letteralmente divorando i bilanci dei Consorzi di bonifica, con pesanti conseguenze per il comparto agricolo.

La situazione è da allarme rosso: le bollette con gli importi moltiplicati e i gravissimi ritardi nei pagamenti da parte della Regione, costringono gli enti consortili ad anticipare enormi somme, esponendosi con le banche e ritrovandosi a pagare gli interessi passivi.

Se ne discuterà martedì a Cagliari, nel corso di una conferenza stampa urgente convocata da Anbi Sardegna per le 10.30 nella sede del Consorzio di bonifica della Sardegna Meridionale. Ci saranno i vertici dei sette Consorzi di Bonifica e i rappresentanti delle organizzazioni di categoria: Coldiretti, Confagricoltura e Cia.

<Se la politica non correrà immediatamente ai ripari saremo costretti a fermare gli impianti di irrigazione e le idrovore, con pesanti conseguenze per il comparto agricolo e per la sicurezza idraulica e idrogeologica dei territori>, avverte Gavino Zirattu, presidente di Anbi Sardegna, l’associazione che rappresenta e tutela i Consorzi di bonifica.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: